Botte ed offese razziste in aula, nei guai maestra d’asilo

RECALE- Un avviso di conclusione delle indagini emesso dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere è stato notificato a un’insegnante di 63 anni, R.V., accusata di avere maltrattato e fisicamente e verbalmente i suoi alunni in una scuola elementare di Recale dove prestava servizio. I maltrattamenti, anche a sfondo razziale (nella classe c’erano anche figli di cittadini stranieri), sono andati avanti per circa 5 mesi – dall’ottobre del 2015 al marzo del 2016 – e furono documentati dai carabinieri che nell’aula installarono dei sistemi di videoregistrazione.
Una parte delle famiglie dei bambini maltrattati, annunciano gli avvocati Salvatore Gionti, Carmen Posillipo e Vincenzo della Morte, si costituiranno parte civile all’eventuale processo. (Ansa)







Utenti online