walter-mallo-3

Camorra: boss voleva tagliare testa a rivale e metterla in water

NAPOLI- L’uccisione di Walter Mallo, a capo dell’omonimo gruppo del rione Don Guanella di Napoli, entrato in forti contrasti con il clan Lo Russo, doveva essere di esempio per tutti: il boss Carlo Lo Russo, ora collaboratore di giustizia, ordinò che dopo l’uccisione, il killer Luigi Cutarelli doveva tagliargli la testa e metterla in un water da esporre in mezzo al rione. É quanto emerge dall’ordinanza di custodia nei confronti di Rudy Rizzo, 31 anni, arrestato a Napoli dai carabinieri. Il progetto era definito nei dettagli ma non fu portato a termine.
Mallo – emerge ancora dall’ordinanza – dava fastidio, voleva comandare, pretendeva i soldi dalle piazze di spaccio e con i suoi uomini era arrivato addirittura a sparare fino sotto l’abitazione del boss Lo Russo: prepotenze che il capoclan avrebbe voluto punire – come testimoniano anche alcune intercettazioni telefoniche e ambientali – con una sentenza di morte per lui e i suoi sodali. (Ansa)






Print Friendly



Utenti online

Ci basta un like!

Se ti piace questo sito fai click sul pulsante sotto!