No Banner to display

Cicciano in rivolta per il trasferimento della Guardia medica

CICCIANO (Nello Lauro)-  Addio Guardia Medica e vaccini. Cicciano potrebbe perdere nei prossimi mesi la sede distaccata del Distretto Sanitario 49 di Nola della Asl Napoli 3 sud. I servizi ad oggi erogati saranno, con tutta probabilità, portati a Nola. Tutto questo significa che i servizi di vaccinazioni, tutte le attività dell’unità operativa del dipartimento di prevenzione, ovvero, sicurezza dei luoghi di lavoro, e soprattutto la continuità assistenziale (l’ex guardia medica) non saranno più erogati in via Sturzo a Cicciano. I motivi, secondo le indiscrezioni, sono due: la messa a norma dello stabile per mancanza di bagni per disabili e il risparmio per la Asl del canone di locazione in tempi di spending review. I disagi saranno molteplici con i cittadini di Cicciano, Roccarainola, Tufino, Camposano – oltre 30.000 abitanti – costretti a spostarsi a Nola. La maggiore difficoltà si avrà per la continuità assistenziale: i residenti per farsi visitare o farsi prescrivere un farmaco (di notte e nei giorni festivi) dovranno spostarsi di alcuni chilometri, circostanza che potrebbe anche rallentare le visite domiciliari da parte dei medici. Una vicenda che ha fatto scattare subito la protesta dei cittadini che si sono rivolti al Comune. Il primo cittadino Raffaele Arvonio non ci sta: “Ho scritto subito al commissario dell’Asl Na3 Costantini per cercare una soluzione, come ente abbiamo già messo a disposizione i locali della ex Pretura (600 metri quadrati). Per Cicciano e tutti i paesi vicini è un presidio importante e fondamentale”. “Abbiamo – continua Arvonio – anche incontrato il direttore del distretto sanitario per fare un sopralluogo: ora aspettiamo una risposta dai vertici dell’Asl a cui abbiamo offerto anche la disponibilità ad integrare i servizi esistenti come la prevenzione collettiva e l’unità operativa per la prevenzione dei luoghi di lavoro”. La questione è stata tra i punti all’ordine del giorno dell’ultimo consiglio comunale: “Siamo usciti con una deliberazione unanime insieme all’opposizione – conclude il sindaco – Cicciano non vuole perdere questo presidio”.


No Banner to display








Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com