Racket, imprenditori di Ercolano denunciano: 13 arresti nei clan Birra- Iacomino e Ascione-Papale

ERCOLANO- I carabinieri della compagnia di torre del greco hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal tribunale del riesame di Napoli su richiesta della Dda partenopea nei confronti di 13 persone. Sono 9 affiliati al clan “Birra-Iacomino” e 4 al clan degli “Ascione-Papale”, entrambi storicamente attivi a Ercolano, ritenuti responsabili a vario titolo di estorsione e tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. Il provvedimento è stato emesso dopo prolungate indagini svolte dai carabinieri tra il 2009 e il 2013. Intercettazioni, dichiarazioni di collaboratori di giustizia e, soprattutto, denunce di imprenditori e commercianti ercolanesi che superando la paura hanno deciso di denunciare. E’ stata dimostrata l’operatività e la costante contrapposizione delle organizzazioni criminali per acquisire il controllo delle estorsioni; decine quelle documentate, spesso poste in essere con modalità efferate. Determinante il cosiddetto “modello Ercolano”: vincente la collaborazione tra vittime, carabinieri, d.d.a. e l’associazione antiracket “Ercolano per la legalità”.







Utenti online