Addio a Franca Rame, si è spenta la moglie di Dario Fo. Il suo amore per i Gigli di Nola

MILANO- Addio a Franca Rame, attrice teatrale, senatrice, moglie del premio nobel Dario Fo. Rame aveva 84 anni ed era da tempo ammalata. Si è spenta questa mattina a Milano nella sua abitazione di Porta Romana. Colpita da un ictus lo scorso 19 aprile, non si era più ripresa. Franca Rame era un’artista poliedrica. Milanese, figlia d’arte, debuttò sulle scene ancora bimba nelle commedie organizzate dalla famiglia. Il debutto all’epoca della rivista, begli anni 50; nel 1954 l’incontro con dario Fo, che divenne suo compagno di vita, di arte e di politica. La coppia Fo-rame è stata per anni bandiera del Pci italiano, per lei poi la candidatura da indipendente nell’Italia dei Valori, di recente l’avvicinamento al Movimento cinque stelle. Pochi sanno che Franca Rame è stata premiata a Mariglianella nel 2007 con una onorificenza dedicata al Beato Carlo Carafa; in quella occasione conobbe meglio anche la Festa dei gigli, grazie alla presenza dei maestri cartapestai. Inoltre i Gigli furono usati come scenografia durante un suo spettacolo teatrale (“Sesso? Grazie, tanto per gradire) scritto con Dario Fo ed il figlio Jacopo. Le scene dello spettacolo erano rappresentate da un fondale raffigurante il “Paradiso terrestre” con grandi piante e molti animali. Le quinte erano formate da giganteschi ceri che ricordano quelli di Gubbio e Catania e i gigli di Nola.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online