Festa dei Gigli, quanto ci costerà il maestro De Simone? Bocche cucite sul cachet

di Bianca Bianco

NOLA- Roberto De Simone direttore artistico della festa dei gigli. Bene, bravo, bis. Ma quanto ‘ci’ costa? Le prestazioni del maestro non varranno certo quanto il limitato budget della fondazione dedicata alla kermesse (55mila euro), un direttore artistico di fama internazionale si paga profumatamente, e così pure il suo staff. Quanto? A chiederselo è Gianluca Napolitano (“Città Viva”, ex consigliere di minoranza): “Non contesto la caratura del personaggio- spiega al Giornale Locale.it- ma mi chiedo quale sarà il suo budget visto l’esiguo fondo destinato alla fondazione”. Abbiamo girato la domanda al presidente della fondazione, l’avvocato Raffaele Soprano, che non ha però svelato l’entità economica del contratto che in questi giorni è stato firmato da De Simone, rivelando solo che lo stesso verrà esteso anche ad un collaboratore dello staff dell’artista: “Una personalità come De Simone non lavora certo gratis- ha dichiarato Soprano-, ogni aspetto di questa partnership sarà reso pubblico sul sito della fondazione, in costruzione”. Bocche cucite sul cachet di De Simone, mentre si attende la presentazione ufficiale. Una ci sarà il 3 giugno a Napoli, alla presenza di Stefano Caldoro, presidente della Regione. Un’altra era stata prevista presso il Teatro Umberto a Nola, ma non è ancora stata fissata una data. Nel frattempo l’etnomusicologo e commediografo napoletano continua ad occuparsi della festa e del suo regolamento. Una delle sue richieste: abbassare il volume delle esibizioni musicali.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com