A Cicciano spunta la lista “fantasma”. Tarantino in piazza coi big

di Nello Lauro

CICCIANO- Due liste, due programmi, due candidati alla carica di sindaco. Tra «Paese futuro» di Raffaele Arvonio e «Uniti per Cicciano» di Giuseppe Tarantino, spunta un terzo incomodo: il gruppo politico «Per Cicciano» che fa riferimento al due volte sindaco Giuseppe Caccavale che alla fine non si è presentato alle elezioni. Una campagna elettorale parallela, anomala, mai vista finora portata avanti da quella che di fatto è la lista fantasma “Per Cicciano” con un documento in cinque punti, una sorta di contratto preelettorale «nell’ottica di tutelare il bene comune e offrire un modesto contributo – si legge – attraverso una partecipazione politico-programmatica».
Il gruppo “Per Cicciano” è “pronto a votare quel sindaco” che promuove la riorganizzazione della macchina amministrativa, che darà sostegno alle piccole e medie imprese, delocalizzando le officine e stimolando l’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro con politiche sociali e fiscali innovative, riducendo i compensi di tutti gli amministratori utilizzando i risparmi per i meno abbienti, abolendo totalmente l’Imu sulla prima casa e variando l’aliquota per le seconde e promuovendo un comitato civico per l’acqua pubblica per un pronto ritorno alla gestione diretta del servizio idrico al Comune. Il gruppo, dunque, offre il suo “appoggio a chi si renderà interprete di tali richieste: un appoggio condizionato che dovrà essere opportunamente garantito mediante una visibilità anche attraverso un coinvolgimento politico-amministrativo”.
Intanto venerdì sera c’è stata l’apertura ufficiale della campagna elettorale di «Paese Futuro», la lista civica che appoggia la candidatura a sindaco del primo cittadino uscente Raffaele Arvonio. Una presentazione «rosa» in quanto si è scelto di far parlare al pubblico che ha riempito piazza Mazzini le cinque candidate donne per poi lasciare la conclusione all’ex sindaco che ha spiegato i motivi – con toni soft e facendo gli auguri anche alla lista avversaria – che lo hanno portato a dimettersi nello scorso autunno: «Ho scelto il male minore per Cicciano al termine di una crisi irreversibile in una maggioranza che non riusciva a garantire nemmeno più l’ordinario». Questa sera alle 21 battesimo in piazza Mazzini anche per «Uniti per Cicciano» che punta sul volto nuovo di Giuseppe Tarantino e che presenta nella sua formazione sei consiglieri comunali uscenti: alla presentazione interverranno i parlamentari del Pd Enzo Cuomo e Massimiliano Manfredi e Francesco Nappi per il Pdl.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com