Minivolley, piccole campionesse all’ombra del Vulcano (buono)

Nola- La grande attesa è finalmente finita. Domani, domenica 5 maggio, a partire dalle ore 10, all’interno della grande piazza centrale del centro servizi Vulcano Buono, si svolgerà la grande festa conclusiva di “Giocando a Minivolley nel Vulcano”. Giunto alla seconda edizione, l’emozionante circuito di minivolley all’aperto organizzato dal Nola Città dei Gigli a.s.d. e realizzato in collaborazione con Vulcano Buono e Zeus, si concluderà con un’autentica invasione di bambini e bambine dai 7 ai 12 anni provenienti da oltre 100 società di tutta la provincia di Napoli. Un evento che si preannuncia indimenticabile a cui prenderanno parte circa 1500 giovani atleti che hanno richiamato l’attenzione del comitato provinciale della Fipav Napoli che collaborerà attivamente alla realizzazione di quella che sarà considerata a tutti gli effetti una festa del minivolley provinciale.
Una grande giornata attende il Nola Città dei Gigli a.s.d. che, come sottolineato dalle parole del direttore generale, Guido Pasciari, potrà celebrare un altro grande successo organizzativo: «Quello di domani sarà un evento indimenticabile – dichiara Pasciari – perché riuscirà, dopo l’esperienza già di per se eccezionale dell’anno scorso, a coinvolgere circa 1500 bambini ed oltre 100 società, dando vita ad una grande festa di colori e sport. Sono molto fiero di come l’organizzazione messa in piedi in collaborazione con Vulcano Buono e, nel caso di quest’ultima tappa, Fipav Napoli, abbia portato ad un prodotto quasi perfetto. Tutto ha funzionato al meglio ed il boom di numeri che abbiamo registrato nelle tappe precedenti ben testimonia ciò che sto dicendo. In vista di domani non mi resta altro che ringraziare Vulcano Buono per il supporto fornitoci ed il suo partner, Zeus, che ha puntato forte su questa manifestazione. Siamo molto soddisfatti di quanto fatto – conclude il direttore generale Guido Pasciari – al punto da invitare tutti a prendere parte a questa grande festa del minivolley napoletano».

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online