Clan alleati per importare droga, anche la camorra nolana nella holding dello spaccio

carabinieri MARIGLIANO- Collegamenti tra cinque clan camorristici della Campania per importare ingenti quantità di stupefacenti destinati alle piazze di spaccio della regione. E’ quanto documentato nel corso delle indagini condotte dai carabinieri del Gruppo di Castello di Cisterna che hanno arrestato 46 persone ritenute affiliate al clan camorristico Lo Russo, attivo nella periferia Nord di Napoli, a quelli dei Castaldo, Gallo-Cavalieri e Annunziata, operanti in vaste aree del Napoletano e ai Pecoraro, che gestisce gli affari illeciti di Salerno e Battipaglia. Gli arrestati sono destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Napoli e sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico internazionale e allo spaccio di stupefacenti, violazioni alla legge sulle armi e di riciclaggio e trasferimento fraudolento di beni. Nel corso delle indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea, i militari dell’Arma hanno documentato collegamenti tra i cinque clan e altre consorterie criminali campane funzionali all’importazione di ingenti quantità di droga destinate non solo alla Campania, ma anche ad altre regioni d’Italia.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online