Sindaco e giunta di Saviano denunciano Scognamiglio, il contestatore di Facebook- il caso

Gennaro Scognamiglio

Gennaro Scognamiglio

di Bianca Bianco

SAVIANO- Tutta la Giunta contro il facebooker. Da quando è nato il popolare social network, si sono moltiplicati i modi per usarlo. Chi per divertimento, chi per lavoro, chi per protestare. A Saviano da più di un anno è nato il gruppo “Saviano non molla”, gestito da Gennaro Scognamiglio, vulcanico utente, esponente del Movimento 5 Stelle, carabiniere. Scognamiglio ha deciso di aprire questa frequentatissima pagina per denunciare quelli che secondo lui, o altri cittadini savianesi, sono le criticità, gli abusi, i problemi della cittadina del Carnevale. A poco a poco la pagina (per la precisione è un gruppo aperto) è diventata il punto di ritrovo di quasi 1900 persone. E si è trasformata nel “pungolo””dell’attuale amministrazione comunale guidata da Carmine Sommese. Proprio da Facebook per esempio è partita la campagna contro “cemento selvaggio” e sui presunti abusi relativi al campo comunale di Saviano; una mobilitazione che è passata dal virtuale al reale, attraverso una raccolta firme che ha coinvolto tutti gli aderenti al Forum di Saviano. Il gruppo “Saviano non molla””oggi è un punto di riferimento, di critica ed opposizione. Così aspra da scatenare la reazione della amministrazione savianese che il mese scorso ha denunciato Scognamiglio per diffamazione. I motivi della querela sono spiegati nella delibera di giunta che approva la proposta del sindaco Sommese di agire penalmente contro Scognamiglio. “Sin dall’insediamento di questa amministrazione- si spiega- nel maggio del 2012, sono stati pubblicati con cadenza praticamente quotidiana sul blog denominato “Saviano non molla” creato sul social network Facebook, su un profilo riconducibile al signor Gennaro Scognamiglio, svariati post il cui contenuto si ritiene diffamatorio nei confronti del sindaco, degli assessori e dell’apparato burocratico dell’ente, nonché gravemente lesivi del decoro, dell’immagine istituzionale del Comune”. Nella delibera numero 38 si elencano quelle che si ritengono ingiurie, diffamazioni e calunnie nei confronti dell’amministrazione. Circostanze che hanno portato alla querela ed al conferimento dell’incarico di difesa dell’ente all’avvocato Antonio Manfredi. Gennaro Scognamiglio ha saputo della denuncia dall’albo pretorio del Comune: “Sono stato denunciato per le mie campagne sul campo sportivo e cemento selvaggio, una battaglia che ha portato ad una importante raccolta firme che ha coinvolto il Forum di Saviano. Non vedo l’ora di essere convocato in Procura per spiegare quanto abbiamo denunciato finora”. Denunce feroci ma circostanziate, afferma Scognamiglio, rispetto alle quali “ho chiesto sempre lumi a questa amministrazione, non ottenendo mai risposta”. Il maresciallo dei carabinieri “grillino” non si dice turbato dalla querela: “Affatto- spiega-. Noi stiamo svolgendo la vera ed unica azione di denuncia qui a Saviano. Stiamo facendo quello che una minoranza consiliare oggi dormiente non fa. Siamo noi la vera opposizione”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online