Fantanalisi, l’Hellas si candida a sorpresa del campionato con il 4-3-3

di Andrea Martelli (Maidirecalcio.com)

L’inizio del campionato si avvicina, e con esso l’asta del Fantacalcio: chi saranno i bidoni di quest’anno e chi le promesse mantenute? Con quale modulo giocheranno le squadre, chi saranno i titolari? Cercheremo di spiegarvi tutto questo nelle nostre Fantanalisi, in cui metteremo al microscopio le squadre di A per due volte al giorno, a pranzo e a cena: quest’oggi tocca a Genoa ed Hellas Verona!

MISTER E MODULO Non fatevi ingannare dal 4-3-3: Mandorlini è un Trapattoniano. L’Hellas Verona ha sempre fatto della solidità il suo punto di forza, con una grande organizzazione difensiva e ripartenze veloci.

Gli scaligieri puntano molto sui gol dell’esperto Luca Toni per raggiungere la salvezza: fra le neopromosse sembra quella più attrezzata per la permanenza in A.

HELLAS VERONA (4-3-3) Mihaylov, Agostini, A. Gonzalez, Maietta, Cacciatore, Donati, Hallfredsson, Jorginho, Martinho, Toni, Jankovic.

Per affrontare le grandi, tuttavia, Mandorlini sembra orientato verso un 3-5-2 più abbottonato.

HELLAS VERONA (3-5-2) Mihaylov, A. Gonzalez, Maietta, Cacciatore, Martinho, Hallfredsson, Donati, Jorginho, Sala, Cacia, Toni.

Il capitano è l’inamovibile Maietta, in caso di sua assenza la fascia passerà probabilmente a giocatori esperti come Toni o Donati.

CONSIGLIATI Per la difesa vi facciamo il nome di Cacciatore: il polivalente difensore ex Samp ha fatto tanta gavetta in Serie B, soprattutto a Grosseto, e sembra pronto per la massima serie: gran corsa e piede educato che può portarvi bonus grazie alle doti aeree di Toni.

A centrocampo vi consigliamo fortemente Raphael Martinho: il giocatore in comproprietà con il Catania aveva già mostrato buone cose in A col Cesena, e lo scorso anno ha messo a segno 10 reti. Essendo praticamente un attaccante può essere un buon acquisto da schierare nelle partite giuste. Occhio anche a Bosko Jankovic: al Genoa batteva calci d’angolo e punizioni, unico dubbio è la tenuta fisica.

Infine come non consigliare Luca Toni: lo scorso anno ha messo a segno 8 reti giocando ad intermittenza, questa stagione sarà invece il faro della squadra; gli arriveranno molti cross, è una scelta da prendere in seria considerazione, nonostante l’età avanzata.

Fra le scommesse vi proponiamo due giovani interessanti: Cirigliano era seguito anche da molti top club, se dovesse mantenere le aspettative di “nuovo Mascherano” potrebbe guadagnarsi un posto in pianta stabile fra i titolari, ma soprattutto occhio a Jacopo Sala, uno dei giovani italiani emigrati all’estero. In Bundesliga ha fatto vedere buone cose, il Verona può essere un interessante trampolino di lancio per lui.

SCONSIGLIATI A meno che vogliate prenderli entrambi, vi sconsigliamo i portieri: sarà ballottaggio dalla prima all’ultima giornata fra Mihaylov e Rafael, che ha portato il Verona in alto dalla Lega Pro a suon di ottimi interventi.

In difesa potrebbe essere un rischio Maietta: a 30 anni esordisce nella massima serie ed è il difensore con licenza di impostare, il pressing asfissiante potrebbe metterlo in difficoltà e causare errori grossolani nei disimpegni: se potete virate altrove.

Occhio  anche a buttarvi sul capocannoniere della scorsa Serie B Cacia: la presenza di Toni è molto ingombrante e non sarà facile trovare spazio.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online