Cimitile, una rabbiosa rimonta firmta Cipolletta vale un punto

CIMITILE- I granatieri del Cimitile, superata la debacle esterna di Casagiove, cercano l’ immediato riscatto tra le mura amiche del comunale ” P. Peluso ” di Cimitile, con l’ ostica compagine casertana dell’ Ortese Calcio, costruita per ambire alla vittoria finale del campionato di promozione. Le due formazioni hanno dato vita ad un match dal ritmo vivace sin dalle prime battute di gioco. Avvio di gara sprint con la prima occasione dei locali, al 6′ pt si registra una conclusione insidiosa di Cipolletta, che ci prova da buona posizione ma il portiere ospite Giallaurito si rifugia in corner. Al 7′ pt esecuzione dalla bandierina ad opera di Tortora, che pennella al centro dell’ area per l’ impatto in rovesciata di capitan Zoppino, che di controbalzo accarezza l’ incrocio dei pali e si estingue sul fondo. Al 9′ pt si rendono pericolosi gli atellani con Pellino che chiude una corale azione di contropiede, ma la sua conclusione e’ preda del portiere Iovino. Pochi minuti successivi, al 11′ pt l’ ortese replica con Riccardo che si invola sulla trequarti, ma viene ostacolato in duello corpo a corpo con capitan Zoppino F., conseguenzialmente il direttore di gara interrompe il gioco per una dubbia scorrettezza e decreta il calcio di punizione ai danni di Riccardo che trasforma e realizza la rete del vantaggio atellano. Ai granatieri la marcatura ospite non desta preoccupazioni, concentrandosi alla ricerca del pari, tentando prima con una conclusione di Zoppino G. al 20′ pt, ma la sfera termina di poco a lato. E al 38′ pt con Cipolletta che ci riprova su punizione, con il pallone che centra in pieno la traversa e finisce sul fondo. In successione gli ospiti vanno alla ricerca del raddoppio con delle belle giocate del tandem d’ attacco Spada-Sirico pochi minuti prima dello scadere della prima frazione di gara al 40′ pt. Nella ripresa più determinati gli atellani alla ricerca del raddoppio, forcing premiato al 56′ su sugli sviluppi di un calcio d’ angolo, battuto basso all’ indirizzo di Pellino che con un preciso diagonale supera Iovino. I granatieri non si deprimono del passivo di due reti, e tentano di riaprire le disperate sorti dell’ incontro. Qualche minuto piu’ tardi, Allocca intercetta la sfera nella meta’ campo ortese, si invola verso l’ area ma viene atterrato al limite, procurando una preziosa punizione al 60′, dell’ esecuzione si incarica Cipolletta che realizza e trafigge Giallaurito accorciando le distanza per il momentaneo 1-2. Subito dopo i granatieri si rendono pericolosi alla ricerca disperata del pari, esaudita al 74′, sugli sviluppi di un lancio dalla distanza di capitan Zoppino F. che scavalca la difesa ospite, indirizzata per Cipolletta, che e’ lesto ad apprifittare di una disattenzione difensiva della retroguardia atellana, abile ad infilarsi tra le linee e battere l’ estremo difensore bianco\azzurro in uscita per il 2-2 che infiamma il ” Peluso “. Successivamente il Cimitile con grande cuore sale in cattedra e perde l’ occasione in diversi episodi di completare un’ incredibile rimonta con l’ autore del pari, che ci riprova impegnando Giallaurito che devia in angolo al 85′. I granatieri non demordono, e vanno vicini al vantaggio nei minuti conclusivi al 90′  con Napolitano, che con un diagonale da buona posizione tenta di sorprendere il portiere atellano, ma la sua conclusione e’ clamorosamente spedita fuori. E’ questa l’ultima azione col triplice fischio di chiusura dell’ incontro che permette ad un tenace Cimitile di raccogliere i meritati applausi per una prestazione con grande cuore, di recuperare il passivo di 2 reti di svantaggio a favore dell’ ortese, riaprendo le sorti di un match che sembrava archiviato e conquistando un prezioso punto in chiave salvezza. Festa grande in casa granata: la grande rimonta è dedicata al calciatore Salvatore Nazzaro per la nascita della sua primogenita Sofia. Nel contempo rammarico in casa biancoazzurra per l’ occasione sfumata di concretizzare il terzo successo consecutivo a punteggio pieno e mantenere il vertice della classifica con le concorrenti S. Vitaliano e Sessana. A fine gara il neo dirigente granata Sebastiano De Riggi, con una nota, esprime tutta la sua personale soddisfazione per la bella reazione esercitata dalla propria compagine nel recuperare il difficile risultato, ed esorta nelle veci dell’ intera dirigenza Granata il proprio disappunto e rammarico in merito alla pessima prestazione arbitrale del signor Battaglia di Ercolano che ha condizionato il regolare svolgimento dell’ incontro : ” In nome di tutta la dirigenza Cimitile Calcio esigo e pretendo rispetto, non e’ possibile ricevere simili direzioni arbitrali”.

il tabellino

CIMITILE – ORTESE 2-2

CIMITILE: Iovino, Liparuli, Allocca, Zoppino G., Zoppino F., La Manna, Tortora, Gonippo, Di Lauro (78’ st Napolitano), Cipolletta (85’ st Nazzaro), Cittadino (76’ st Nappi G.). A disp: De Sarno, Caccavale, Nappi D., Miele. All. N. Minichini

ORTESE CALCIO: Giallaurito, Esposito (75’ st Fedele), Costanzo, Pellino, Chianese, Lessa, Andro, Celio, Spada, Riccardo (70’ st Pezzella), Sirico (50’ st Lampitelli). A disp: Falco, Medina, Auletta, Cantile. All. P. Cristiani

RETI: 11’Riccardo (Ort), 56’Pellino (Ort), 60’-74’ Cipolletta (Cim).

ARBITRO: Davide Battaglia della sezione di Ercolano (assistenti: Daniele Tammaro sez. Ercolano e Domenico Castaldo Tuccillo sez. Torre del Greco).

NOTE: Ammoniti: Zoppino F., Zoppino G., Tortora, Nazzaro (Cim); Pezzella, Lampitelli, Riccardo, Pellino (Ort).

Recupero: 1 min. nel primo tempo; 2 min. nel secondo tempo.

Spettatori: 250 circa.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online