sabato, Luglio 13, 2024
spot_img
spot_img
spot_img

I PIÙ LETTI DELLA SETTIMANA

ARTICOLI CORRELATI

Fedeli del Nolano uniti per la pace, Cicciano risponde all’appello del Papa

papafrancescoCICCIANO- Tutto il mondo cattolico aderisce all’appello del Papa per una giornata di digiuno e preghiera per la pace. “Ho deciso di indire – ha spiegato papa Francesco- per tutta la Chiesa il 7 settembre, vigilia della Nativita’ di Maria Regina della pace, una giornata di digiuno e di preghiera per la pace in Siria, nel Medio Oriente e nel mondo intero”. La Diocesi di Nola ha aderito, e con essa anche i fedeli di Cicciano. Dunque sabato 7 settembre le Comunità di San Pietro e dell’Immacolata di Cicciano aderiranno all’invito del Papa per il digiuno e la preghiera. Insieme si ritroveranno alle ore 15 in San Pietro per invocare la Divina Misericordia di Dio perché conceda al Mondo la Pace. Lunedì 9 settembre alle ore 18.30 il Santo Rosario per la Pace e la Processione della Vergine degli Angeli per invocare il dono della Pace nel mondo intero.

“L’umanita’- ha dichiarato Papa Bergoglio-  ha bisogno di gesti di pace, di gesti di digiuno”. “Chiedo – ha continuato – che tutte le chiese locali organizzino un atto liturgico secondo questa intenzione e anche invito a unirsi a questa iniziativa, nel modo che riterranno piu’ opportuno i fratelli delle altre religioni e i non cedenti”. “A Maria – ha quindi concluso Francesco – chiediamo di aiutarci a rispondere alla violenza, al conflitto e alla guerra, Lei e’ Madre, ci aiuti a trovare la pace”. “Esorto la Comunita’ Internazionale a fare ogni sforzo per promuovere la pace, promuovendo iniziative basate su dialogo e negoziato” ha detto Papa Francesco chiedendo che “non sia risparmiato alcuno sforzo, in particolare in aiuto agli sfollati nel Paese e nei Paesi vicini”. “Agli operatori umanitari – ha continuato – sia assicurata possibilita’ di prestare il necessario aiuto”. “A tutti – ha scandito ancora Francesco – spetta il compito di ricomporre rapporti di convivenza, in una catena di impegno che unisca tutti gli uomini di buona volonta’”. “Ripeto a voce alta – ha quindi aggiunto – che non e’ la cultura dello scontro e del conflitto che produce la convivenza”.

 

Print Friendly, PDF & Email

I PIÙ POPOLARI

This site is protected by wp-copyrightpro.com