Festival Casamarciano, un ponte dal Nolano al Maghreb: appuntamento con il Marocco

CASAMARCIANO- Un ponte da Casamarciano al Maghreb. Una alleanza culturale con il Nord Africa, che passi per la Sicilia. Questa l’ennesima sfida lanciata dal Festival nazionale del teatro Città di Casamarciano che stasera (dalle ore 20,30, qui il programma https://www.ilgiornalelocale.it/archives/6757) ospiterà l’arte marocchina nel corso di una serata etnica di raro interesse. Storia, cultura, arte del paese africano saranno infatti al centro dell’appuntamento tematico che avrà luogo nella bella ambientazione del complesso badiale di Santa Maria al Plesco. A cementare questa nuova partnership nel segno del Mediterraneo, la presenza domani del Console marocchino in Italia come ospite della kermesse.

A spiegare i motivi della neonata alleanza tra luoghi così diversi eppure segnati dal medesimo dna, quello che accomuna il Sud del mondo, è il sindaco Andrea Manzi. “E’ un sogno nato a Gibellina- spiega a ilgiornalelocale.it-. Quando ero lì per tenere vivi i nostri rapporti di gemellaggio, ho avvertito il fortissimo legame che lega le culture mediterranee. Gibellina è un luogo incantato in provincia di Trapani che tanto rimanda, nella sua cultura, alla vicinissima Africa. Lì ho cominciato a riflettere sulla necessità di spalancare le porte al Sud”. In che senso? “Oggi si cercano alleanze e partnership solo col ricco Nord, si dimentica l’essenza del Meridione, per anni porta di scambio delle culture mondiali e ricchissimo avamposto per comprendere dove andassero i destini del mondo. Il Sud poi è stato degradato ed emarginato. Bene, credo sia necessario recuperare la sua forza, che sta nella solidarietà dei popoli, nella sua grande apertura culturale”. Per questo dunque il Festival si apre al Mediterraneo? “Ancora una volta decidiamo di andare controcorrente, puntando sulla integrazione tra luoghi del Mediterraneo. Voglio costruire un ponte verso il Marocco, ma il sogno non finisce qui. L’anno prossimo spetterà ad altri luoghi del Nord Africa”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online