Il Napoli vola in testa alla classifica, Milan battuto 2-1

di Simone Perrotta (Maidirecalcio.com)

Se qualcuno non considerava ancora il Napoli nel novero delle pretendenti alla vittoria del campionato da stasera dovrà ricredersi. Gli azzurri di Rafa Benitez tornano in testa alla classifica di prepotenza. Battendo 2-1 il Milan a San Siro e, soprattutto, dimostrando di potersela giocare su tutti i campi e di fare davvero paura quando hanno la possibilità di armare le proprie bocche da fuoco. Su tutte quella diGonzalo Higuain che, nella ripresa, ha  raddoppiato il vantaggio iniziale di Britos.

PARTENZA AZZURRA- Benitez cambia due uomini rispetto alla partita col Borussia Dortmund conDzemaili e Mesto preferiti rispettivamente a Inler e Mesto. Allegri conferma il 4-3-1-2 con Birsa a fare il trequartista dietro Matri e Balotelli. La partenza del match è tutta di marca partenopea. Il Napoli, infatti,si presenta tre volte davanti ad Abbiati nei primi sei minuti. Prima è Behrami a dialogare con Insigne ma a sbagliare la volée sotto porta, poi tocca ad Higuain provarci con un destro radente da fuori che sfiora il palo. Alla terza palla gol, però, gli azzurri passano. E’ Britos ad insaccare indisturbato al 6’ sfruttando una perfetta torre di Albiol sugli sviluppi di un calcio di punizione. A questo punto il Milan si scuote ed è soprattutto Balotelli a rendersi pericoloso. Al 10’ calcia dopo una bella percussione di Poli ma Reina respinge, due minuti dopo ci prova su punizione sfiorando il palo alla sinistra dell’ex Liverpool che poi gli blocca un altro tentativo una manciata di secondi dopo. Anche Matri e Birsa provano a impensierire la retroguardia partenopea ma senza successo. Si va così al riposo sull’1-0 per il Napoli e con le proteste dei padroni di casa per un contatto dubbio in area tra Zuniga e Poli.

PIPITA INARRESTABILE- La ripresa si apre con una ghiotta occasione per Mexes che su un calcio d’angolo non sfrutta un’uscita a vuoto di Reina per mettere dentro il tap in del pareggio. Ma al 53’Higuain mette una pietra tombale sulla serata dei rossoneri. Il Pipita si libera al limite dell’area e scaglia un destro rasoterra molto potente, Abbiati non è perfetto e può solo deviare in rete il tiro dell’argentino che vale il raddoppio e la terza rete consecutiva per l’ex centravanti del Real Madrid.

ERRORE STORICO- Il Milan, dal canto suo, non demorde e continua ad attaccare con il solito monologo di Balotelli che inizia il suo personale duello con Pepe Reina.  Duello che sembra prendere la strada del numero 45 rossonero quando Albiol lo stende ingenuamente in area. Per Banti è rigore. Dal dischetto però Reina fa capire a Balotelli che non è serata entrando nel guinness dei primati in qualità di primo portiere a parargli un rigore. Si tratta del primo errore dal dischetto in carriera in ventidue tentativi per il centravanti milanista. Ma Mario, si sa, è ragazzo cocciuto e continua a cercare i pali di Reina. Trovandoli letteralmente al 71’ quando, dopo uno splendido uno/due con Matri, lascia partire un sinistro che si stampa sulla traversa. Cinque minuti dopo è ancora Reina a negare la gioia del gol a Balotelli deviando con un vero e proprio miracolo un tiro da fuori dell’ex Manchester City. Gli sforzi di Balotelli però vengono finalmente premiati al 91′ quando riesce a battere il portiere spagnolo. Match riaperto. Nel forcing  finale il Milan prova a rendersi pericoloso andando all’assalto dell’area azzurra ma il big match di San Siro si chiude sul 2-1 per i partenopei con Balotelli espulso per proteste dopo il fischio finale. Una vittoria che sa di segnale forte al campionato: chi vuole il tricolore dovrà andare a prendere questo Napoli.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online