Sequestrato impianto termico di una falegnameria sulla 7bis

falegnameriaNOLA- Sequestrato un impianto termico per la produzione d’acqua calda a Nola. L’impianto appartiene ad una falegnameria di via Nazionale delle Puglie ed è stato oggetto dei controlli della Polizia provinciale,distretto di Nola. I sigilli si sono resi necessari dopo l’avvistamento di una colinna di fumo;quest’ultima, hanno poi accertato i poliziotti, era causata dalla combustione dei rifiuti scarto della falegnameria. I residui non erano dunque smaltiti regolarmente, ma bruciati in una vecchia caldaia priva di autorizzazione all’ emissione in atmosfera. Sequestrata anche una discarica abusiva all’interno dello stabilimento, nell’area di circa 50 metri quadri venivano stoccati senza autorizzazione dell’opificio, nella quale erano stoccati un notevole quantitativo di rifiuti prodotti e in particolare: imballaggi in plastica e ferro, imbottiture di pannelli coibentati, circa 2 metri cubi di cenere derivante dalla combustione dei rifiuti, tutti stoccati all’ intemperie e su nudo terreno.

La Procura della Repubblica di Nola ha emesso un avviso di garanzia a carico del legale rappresentante della società.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online