Festa dei Gigli, inizia l’era di De Simone: “Pulizia nella kermesse”

 

Un momento della conferenza

Un momento della conferenza

NAPOLI- Il maestro Roberto De Simone è il nuovo direttore artistico della Festa dei Gigli di Nola in programma il 29 giugno 2014. Oggi, la firma del contratto alla presenza, tra gli altri, dell’assessore regionale ai Beni culturali Pasquale Sommese, del sindaco di Nola Geremia Biancardi e del presidente della Fondazione Festa dei Gigli Raffaele Soprano.

Il maestro ha sottolineato che è suo intento ripulire la Festa «eliminando gli elementi accessori, spuri che nel corso degli anni si sono sovrapposti ai valori reali e propri di una Festa che – ha evidenziato – è e deve essere una festa religiosa».

De Simone, nel suo discorso, ha tracciato le origini che portano alla costituzione della Festa dei Gigli che è festa «di popolo, festa per il patrono e festa di liberazione della schiavitù». «Il mio compito – ha spiegato – rispetto alla canzone all’interno della festa, sarà di porre attenzione a quei componimenti che esaltano la figura del patrono San Paolino e l’anima di un popolo che è rimasto popolo, senza diventare massa».

La scelta della Fondazione di affidare la direzione artistica al maestro De Simone, secondo l’assessore Sommese «offre alla Festa la possibilità di fare un salto di qualità così da essere annoverata e riconosciuta a livello nazionale e internazionale rispettandone il Dna e la sua tradizione».

La Festa 2014, inoltre, potrebbe fregiarsi del riconoscimento Unesco di Patrimonio immateriale dell’Umanità. Il conferimento del riconoscimento – come annunciato dal sindaco Biancardi – è atteso per la prima decade di dicembre. La realizzazione del manifesto della Festa dei Giglio 2014 sarà affidato al fotografo Antonio Busiello. «L’obiettivo che ci siamo posti come Fondazione – ha spiegato il presidente Soprano – è di sprovincializzare la Festa e portarla fuori dai confini territoriali».

Ansa

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online