Il Tattico Molesto – Napoli Livorno, all’insegna dell’equilibrio

di Domenico Silvestro (Maidirecalcio.com)

Non esistono partite belle e partite brutte. Il campionato italiano è considerato da molti tra i più difficili al mondo ma anche tra i più tattici ed incentrati sulla difesa. Il bel calcio, nonostante tutto, è presente ovunque ed anche le partite  più noiose nascondono segreti e verità davvero stupefacenti. Ogni giornata di campionato ci regala partite apparentemente senza emozioni: pensate che in questi match regnerà la noia? Siete convinti che i tifosi dovranno cercare le vere emozioni giocando a Ruzzle sui loro smartphone? Vi sbagliate! Il Tattico Molesto vi mostrerà il vero volto di queste gare, convincendo anche i più scettici  ad incollarsi al televisore in barba ai giornalisti che vi suggeriscono di cercare il bel calcio altrove. Per questa puntata abbiamo voluto scegliere l’equilibratissimo match Napoli Livorno.

La squadra labronica è in salute, il tecnico Nicola sta ottenendo ottimi risultati e gli amaranto non vogliono certo sfigurare contro i partenopei, ancora in evidente stato di shock dopo il cappotto contro l’Arsenal. Nonostante tutto il Livorno deve fare i conti con assenze importanti: mancherà per alcuni mesi, infatti, l’esperto difensore e leader del reparto arretrato Federico Ceccherini. Pare che nella giornata di ieri il difensore dovesse essere impegnato in un incontro con i tifosi, per firmare autografi e regalare qualche sorriso ai più piccini, ma il pubblico, una volta resosi conto che il meeting sarebbe avvenuto con il calciatore e non con il comicoMassimo Ceccherini, ha disertato il centro sportivo lasciando di stucco il povero Federico. Crisi depressiva per lui, ma lo psicologo ha detto che il mister potrà riaverlo dopo il prossimo cinepanettone. Altro episodio interessante riguarda l’uomo simbolo di questo Livorno, vale a dire il capitano Luci. Il centrocampista era stato molto vicino alla cessione questa estate, ma nel momento in cui Spinelli aveva dichiarato ai media :”Abbbiamo deciso di vendere Luci“, le uniche a farsi avanti erano state due ditte che attrezzavano alberi di Natale. Piccato, il presidente ha imposto aNicola di dargli la fascia di capitano e di sostituirlo soltanto dopo l’Epifania. Dunque sarà lui a guidare il centrocampo seppur per caso, avendo al suo fianco giocatori di primissimo livello come il  “Christian Maggio“  di Mugnano Pasquale Schiattarella. Chiamato così per la sua abilità atletiche? Perchè nato a Napoli? Molto più probabilmente per la sua percentuale di cross riusciti più bassa di Giaccherini in ginocchio. Altro perno dei Livornesi è Leandro Greco, che con Rinaudo ha fondato “il club di quelli che si chiamano Leandro“, famoso in tutta Italia grazie ai suoi ben due membri. Ex Roma, era stato acquistato fortuitamente dall’Olympiakos dopo che il Presidente aveva dichiarato:” Voglio puntare sui nostri nazionali, non faremo neanche un acquisto che non sia Greco“. Detto, fatto: il direttore sportivo ha chiuso per il giovane italiano, fermato poi solo pochi secondi prima di mettere sotto contratto anche Giuseppe Greco, bomber della Pro Vercelli. Il Livorno partirà dunque favorito contro il Napoli, nonostante il triste episodio accaduto al tifoso d.o.c. Cristiano Lucarelli, nonchè doppio ex del match. Il vecchio bomber avrebbe affermato: ” A Napoli ho lasciato tanti bei ricordi, è una città fantastica e amo i suoi tifosi. Nonostante questo, mi sento livornese e non sono napoletano“. Dieci mesi di D.A.Spo. per lui con l’accusa razzismo e discriminazione territoriale.

Il Napoli sembra più tranquillo, ma Benitez non vuole abbassare la tensione. Prima del match di domenica ha richiesto un’amichevole per rivedere subito in campo i suoi: una partita competitiva che possa mettere i giocatori seriamente in difficoltà e temprarne il morale in vista del Livorno. Vista l’indisponibilità della Feralpi Salò, è stata già messa in allerta la nazionale italiana cantanti, ma Fabio Pecchia avrebbe storto il naso ritenendo che Eros Ramazzotti abbia una visione di gioco migliore diInler. Cannavaro scalpita per un posto da titolare dopo essere stato scavalcato daBritos anche nella lista di auguri di Natale del fratello Fabio. Sembrerebbe chePrandelli, pensando di convocare un difensore azzurro per la partita che si giocherà proprio a Napoli contro l’Armenia, alla proposta del vice Pinna di convocare il capitano partenopeo abbia affermato: ” Ma non sarebbe meglio Uvini? Parlava bene l’italiano alla presentazione di Rafael!“. Problemi anche per Higuain: il giocatore non riuscirà a recuperare in tempo per questa partita,ma ci sono sviluppi che non faranno di certo piacere ai tifosi. Il bomber agentino è già in rotta con il Presidente De Laurentiis a causa dell’ultima intervista rilasciata dal patron:”Higuain? L’infortunio non lo fermerà, supererà anche questo scoglio.” In dubbio anche la presenza di Albiol: al ritorno sul campo di allenamento è sembrato molto spaesato ed intimorito, quasi terrorizzato. Il suo compagno di stanza Callejon sembra avere la soluzione:” Non dorme da tre giorni. Continua ad urlare parole incomprensbili, l’unica che riesco a decifrare è OZIL“. Corsetta leggera per gli uomini del reparto offensivo, ma ci sono problemi di inserimento per il colombiano Duvàn Zapata: dopo essere stato doppiato per la terza volta da Insigne e Mertens, preso dall’ira li ha presi per la collottola ed appoggiati su uno dei gradoni del centro sportivo. Per farli scendere dall’impervio dirupo è dovuto intervenire Zuniga, che ha allestito un tappeto con le banconote del primo mese del suo nuovo stipendio per attutirne la caduta. Sembra che nella confusione qualche bigliettone sia sparito: il primo sospettato è Behrami, che rubando palloni agli avversari si è costruito una brutta fama. I suoi calzettoni più imbottiti del solito hanno fatto insospettire Reina, che ha vestito i panni del Commissario Montalbano cercando di risolvere il caso. A proposito di Reina, vi lasciamo con un video del portierone spagnolo: ecco le sue migliori tecniche messe in mostra per intimorire i pericolossissimi attaccanti del Livorno. Come non amare Reina? Bisogna amare Reina!

fonte:  https://tinyurl.com/ooxav4r

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online