Operaio a piedi investito e ucciso da un’auto pirata e poi travolto da un tir

Alle 6 di questa mattina all’interno della zona industriale di Caivano, in località Pascarola -via Casa Arcella,  un autoarticolato adibito al trasporto di azoto liquido, investiva Stefano Silletti di anni 51 residente in Caivano, lavoratore dipendente che stava raggiungendo il posto di lavoro a piedi il quale decedeva sul colpo. Sul posto, per i rilievi di rito, si portava personale della polizia stradale di Napoli –  distaccamento polizia stradale di Nola, diretta dal primo dirigente Maurizio Casamassima e coordinata dall’ispettore Sabato Arvonio. Sono in corso indagini per accertare la precisa dinamica del sinistro e la responsabilità delle persone coinvolte. Al momento non è esclusa l’ipotesi che la persona sia stata dapprima investita da un’autovettura pirata, datasi poi alla fuga, e che il corpo della vittima sia stato, pertanto, scaraventato violentemente sotto le ruote dell’autoarticolato in fase di manovra.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online