“Ridateci la bici di Ciccio ‘o botolo”: l’appello del figlio commuove il web

La bici rubata

La bici rubata

NOLA- Di appelli sui social network ne girano e se ne condividono tanti, anche dei più strani. Quello di Enrico Zannella è un appello che arriva al cuore dei nolani che lo scorso maggio hanno perso per un tragico incidente sul lavoro il loro amico Francesco Zannella, conosciuto in città come Ciccio ‘o Botolo. Ciccio era il papà di Enrico, ed era conosciuto ed amato.  Dopo la sua morte Nola lo ha pianto e commemorato con una giornata di lutto, l’ha ricordato durante la festa dei gigli e continua a non dimenticarlo. Era simpatico, gioviale, un nolano verace capace di stemperare ogni discussione con l’arte dell’ironia. Così lo ricorda chi lo ha conosciuto. Chi lo incontrava in strada o in piazza Duomo, quando si rilassava dopo i lunghi e faticosi turni di lavoro per la manutenzione dei treni, lo incrociava sulla sua storica bici: una “Zanchi” nera che nessun altro possiede a Nola e che da anni lo accompagnava nelle sue passeggiate. Quella bici qualche giorno fa è stata rubata in via Merliano. Qualcuno l’ha vista non custodita e l’ha portata via. Un furto che ha portato via anche un pezzo di cuore della famiglia di Francesco Zannella, che quella bicicletta continuava a far vivere come per portare ancora a spasso per Nola il suo proprietario salito in Cielo. Dopo il furto Enrico ha lanciato l’appello per ritrovare la due ruote del suo papà. Molti la stanno condividendo, in un passaparola pieno di affetto. Ritrovare la bici di Ciccio per non perdere mai il suo ricordo.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online