Triangolo della vita, i giovani vogliono salvare la loro terra- Le foto del corteo

di Alberto De Sena

NOLA- “Nola vuole vivere”, questo il coro che hanno intonato le centinaia di manifestanti riunitisi in Piazza D’Armi per la manifestazione “Il triangolo della vita” con l’obbiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e soprattutto la classe politica sulle problematiche ambientali che affliggono il territorio. Un fiume in piena, composto soprattutto dai giovani delle scuole di Nola ma anche dei comuni vicini, da Cicciano a San Gennaro Vesuviano, muniti di striscioni e cartelli hanno sfilato per le strade della città, attraversando Via Anfiteatro Laterizio, via Mario De Sena per poi spostarsi su via San Massimo e sulla Statale 7 bis sotto l’occhio vigile delle forze dell’ordine che monitoravano una manifestazione dai toni comunque pacifici. Presenti alla manifestazione anche alcuni rappresentanti della politica locale con il Sindaco di Nola Geremia Biancardi affiancato per l’occasione dal primo cittadino di San Paolo Belsito Manolo Cafarelli e da quello di Liveri Raffaele Coppola, presente anche l’ex sindaco di Cicciano Gisueppe Caccavale ed alcuni tra assessori e consiglieri comunali dei paesi dell’agro nolano. Presente come previsto anche Don Maurizio Patriciello, il parroco di Caivano da sempre in prima linea nella lotta ai roghi di rifiuti tossici nella terra dei fuochi, che non ha fatto mancare il suo sostegno alla manifestazione. “Non è colpa dei rifiuti tossici, ma dei rifiuti umani”, “Basta sversare, impara a campare”, “Noi malati è derisi, collasso politico”, questi alcuni degli slogan impressi su striscioni e cartelloni. Giovani, come detto, assoluti protagonisti della mattinata, moltissime le scolaresche, dalle elementari alle medie fino alle superiori, tantissimi studenti, accompagnati in alcuni casi anche da maestri e professori, uniti contro il male che affligge questo territorio.

Guarda le foto:

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online