Amianto e pneumatici, l’accusa degli ambientalisti: “Denunce inascoltate a Cicciano”

pneumaticiCicciano – Con l’ennesima missiva del 21 novembre scorso, le tre sigle ambientaliste dell’agro nolano (Fed. Assocampaniafelix, Comitato per la Difesa dell’Agro Nolano e Associazione il Movimento) hanno nuovamente invitato il Sindaco di Cicciano Raffele Arvonio a rimuovere i rifiuti speciali (tra cui l’amianto) dai siti segnalati nel settembre scorso e per i quali l’Arpac ha provveduto a fare la relativa caratterizzazione. “Manca solo la rimozione ad horas – ha tuonato Gennaro Allocca del Comitato Difesa Agro Nolano – Il sindaco deve dirci quando la metterà in atto”. Le associazioni avevano dato la propria disponibilità anche a recuperare gli pneumatici abbandonati lungo il ciglio delle strade ciccianesi, ma ad oggi nessun richiesta di collaborazione è stata ottemperata. “Ho chiamato il primo cittadino di Cicciano – ha dichiarato Gennaro Esposito di Assocampaniafelix – per accertarmi delle compiute operazioni di pulizia dei siti segnalati. Mi ha assicurato che avrebbe subito attivato il comandante dei vigili urbani per avviare le procedure”. Sul fronte ‘Terra dei Fuochi il sindaco Arvonio annuncia: “Abbiamo chiesto di entrare nel patto a giugno, ma le procedure saranno effettive da gennaio prossimo”. Il Patto prevederà l’attuazione di un progetto di videosorveglianza e rimozione di rifiuti ingombranti e speciali, in collaborazione con i comuni limitrofi. “Proporremo un progetto intercomunale con Camposano e Roccarainola, visto che la maggior parte dei reati ambientali avvengono a confine con questi comuni”. Il sindaco Arvonio ha, infine, promesso il coinvolgimento attivo delle associazioni nel processo decisionale relativo al controllo del territorio e alla sensibilizzazione dei cittadini su questi temi. Appuntamento tra un mese per un protocollo d’intesa condiviso ed efficace.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online