Elezioni scolastiche a Cimitile, accuse di brogli e polemiche: scoppia il caso

scuola2di Nello Lauro

CIMITILE- E anche le elezioni del consiglio di istituto diventano un affare di Stato. Come e più delle elezioni politiche, quasi e forse anche più delle elezioni comunali. A Cimitile nell’istituto Guadagni (che comprende anche la sezione distaccata di Comiziano) monta la polemica – con tanto di minaccia di esposti – per presunti brogli per l’elezione dei rappresentanti all’interno della scuola. La querelle è nata dopo che le due liste (in lizza erano in tre) capeggiate da due consiglieri comunali di maggioranza si sono contesi la vittoria finale. Nei due plessi di Cimitile la battaglia è stata vinta da una lista di circa 100 voti. Caso chiuso? Macchè. Tutto è stato ribaltato nel seggio elettorale di Comiziano dove la lista che ha poi vinto la contesa ha raccolto il 90% dei suffragi (un vero plebiscito) facendo gridare a presunti brogli. E ora operatori e genitori protestano e invocano nuove elezioni. Caso di Stato? No, ma quasi. Incredibile? No, tremendamente vero.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online