Napoli sconfitta amara, il Dortmund vince 3-1 e punisce gli azzurri

di Claudio Cafarelli (Maidirecalcio.com)

Era una partita da dentro o fuori, questa sera al Westfalenstadion di Dortmund, e le squadre non si sono risparmiate. Divertente, veloce e sempre aperto il match vinto dai padroni di casa del Borussia che nonostante le numerose defezioni dimostrano ancora una volta di avere un sistema di gioco al limite della perfezione. I tedeschi approfittano dei troppi errori in possesso palla degli azzurri, che rispetto alle ultime due uscite di campionato, dimostrano grinta e carattere ma purtroppo non riescono a tramutarli con efficacia. Straordinaria la prestazione di Lewandowski, che non segna, ma è protagonista per tutti i 90 minuti, così come Reina che salva più volte la porta dei suoi. Con questo successo il Napoli è con un piede e mezzo fuori dalla Champions League, servirà un miracolo al San Paolo contro l’Arsenal per strappare la qualificazione, vittoria per 3 a 0 per una qualificazione aritmetica.

RIGORE INVENTATO – Il Napoli parte bene con personalità, come chiesto da Benitez in conferenza stampa. Gli azzurri si coprono con un 4-4-2 in fase di non possesso con l’inserimento di Dzemaili al posto di Inler e Pandev che sostituisce l’infortunato Hamsik. Sembra la strada giusta per strappare un risultato positivo ma all’8′ l’arbitro Carballo segnala una trattenuta di Fernandez su Lewandowksi. Rigore generosissimo che Reus non sbaglia. Il Napoli sbanda, nervoso per il rigore, e rischia il tracollo ma Lewandowski da due passi spedisce a lato, dopo qualche minuto  Pandev dà respiro alla manovra dopo un’ottima combinazione con Armero ed Higuain, ma il suo è fiacco. Gli azzurri riprendono a giocare e al 28′ vanno vicinissimi al pareggio: Higuain lancia Callejon sulla destra, con una finta lo spagnolo guadagna lo spazio della porta, ma il suo tiro colpisce il palo. Sulla ribattuta arriva Behrami che conclude col mancino, ma Weidenfeller blocca senza affanno. Reina salva due volte prima su Lewandowski e poi su Mikhytarian, ma il primo tempo si chiude nel segno del Napoli con un’ottima conclusione di Armero dai 25 metri che il portiere respinge bene

INSIGNE ILLUDE, AUBAMEYANG LA CHIUDE – Nel secondo tempo gli azzurri continuano a peccare in fase d’impostazione e il Borussia Dortmund è spettacolare nel ripartire. Mikhytarian serve Kuba che a sua volta pesca Reus, ma il destro del tedesco finisce fuori; dopo un minuto Maggio chiude miracolosamente sullo stesso Reus, al 57′ Mikhytarian fa tutto da solo, parte da 50 metri con la palla al piede, salta tutta la difesa, ma Reina gli devia la sfera e il Napoli si salva. E’ un monologo tedesco ma il Napoli ha l’occasione per pareggiare. Pandev serve Higuain sul filo del fuorigioco ma l’attaccante argentino si fa ipnotizzare dal portiere, da sottolineare un probabile fallo da rigore per il Napoli sull’occasione in questione. Weidenfeller stende di fatto l’argentino con palla ancora in gioco. Ma a gol sbagliato corrisponde gol subito. Lewandowski difende palla e si fa spazio, serve Kuba al centro che in contropiede fa il due a zero. Entrano Inler ed Insigne. Il folletto di Frattamaggiore accende il match. Behrami recupera palla, Higuain serve subito l’attaccante napoletano che a tu per tu con Weidenfeller non sbaglia. La partita sembra riaperta ma Armero al 78′ perde palla a centrocampo e innesca il contropiede inarrestabile del Borussia che premia Aubameyang. 3 a 1 e partita chiusa.

fonte: https://www.maidirecalcio.com/2013/11/26/borussia-dortmund-napoli-cronaca-3-1.html

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online