Omicidio Basile, Baianese ‘blindato’: summit dei sindaci dal capitano dei carabinieri

SONY DSCdi Bianca Bianco 

AVELLA- Ieri sera presso la Compagnia dei carabinieri di Baiano si è svolto il summit tra i sindaci dei sei comuni del Baianese ed il tenente Giuseppe Ianniello, comandante del presidio mandamentale dell’Arma.

Un confronto sugli aspetti relativi alla sicurezza all’indomani della uccisione dell’imprenditore avellano, originario di Cimitile, Francesco Basile. I primi cittadini Biancardi (Avella), Bianco (Mugnani), Montanaro (Baiano), Colucci (Sirignano), Alaia (Sperone) e Masi (Quadrelle) hanno chiesto al massimo rappresentante locale della Benemerita più controlli. Più sicurezza.

Spiega Domenico Biancardi, primo cittadino di Avella: «Noi sindaci abbiamo tanti dubbi e tante domande. Si respira un clima pesante nelle nostre cittadine, si percepisce lo sgomento per una emergenza senza precedenti. È per questo che dal tenente Ianniello, così come da ogni altra autorità, noi ci presentiamo con domande più che con richieste. Chiediamo principalmente di saper come dobbiamo comportarci noi amministratori in situazioni come quelle che si stanno verificando nel nostro territorio. Quali strumenti, oltre quelli previsti, possiamo mettere in campo? Quali accorgimenti per contrastare una offensiva mai vissuta precedentemente?».

La rassicurazioni da parte della Benemerità c’è stata, sarà garantito maggiore controllo ma già dal giorno dell’omicidio Basile il Mandamento è stato completamente blindato dalla presenza di volanti dei carabinieri e della guardia di finanza che pattugliano il territorio giorno e notte con frequenza superiore alla media.

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online