Addio Equitalia, dal primo gennaio a Nola le tasse le riscuote l’Agenzia di Sviluppo

equitaliaA Nola gestione dei tributi comunali affidata all’Agenzia di Sviluppo dell’area nolana. La decisione arriva con delibera di giunta approvata nei giorni scorsi; in base alla recente riforma attuata dal governo, dal 31 dicembre 2013 Equitalia cessa, insieme alle partecipate, di effettuare attività di accertamento, riscossione, liquidazione delle entrate tributarie e patrimoniali. In vista del cambiamento, ed in attesa di una disciplina normativa esaustiva, i Comuni devono adeguarsi al passaggio alla gestione federale dei tributi.

In prossimità dell’imminente scadenza, l’ente di piazza Duomo ha assunto iniziative “tempestive”per la continuità del servizio di riscossione. La scelta è ricaduta sull’Agenzia di Camposano presieduta da Biagio Ciccone, che già lo scorso maggio aveva presentato un dossier su costi e risultati della gestione Equitalia e sulla necessità di gestione diretta del fisco locale. Per questo il Comune ha deliberato di servirsi dell’Agenzia per la gestione diretta dei tributi, per tre anni a decorrere dal primo gennaio 2014.

L’Agenzia si occuperà,  tra le altre cose, della riscossione, dell’invio degli avvisi di pagamento,. Della rendicontazione dei pagamenti, dei solleciti, delle ingiunzioni, del front office “Per le attività di supporto alla riscossione- riporta la delibera di giunta-  il Comune riconoscerà all’Agenzia le spese, come da fattura, per la stampa, imbustamento, inoltro e notifica di avvisi, inviti, solleciti, diffide e ordinanze; le spese, come da fattura, dei riscontri dei bollettini di pagamento, un compenso forfettario annuo valutato e concordemente determinato tenendo conto dell’impegno organizzativo e delle risorse umane necessarie per l’ottimale gestione dei carichi di lavoro richiesti”. Per contratto l’aggio dovrà essere inferiore a quello imposto da Equitalia (8%).

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online