Agguato di Saviano, confessa un 27enne di Nola: “Volevo difendere mia sorella”

NOLA- E’ stato arrestato dopo una lunga notte sotto interrogatorio il presunto autore del ferimento di R.P., ventiquattrenne di Saviano. L’arrestato è Massimo Iorio, 27enne di Nola, fratello dell’ex fidanzata della vittima. Il giovane ieri si è costituito nella caserma dei carabinieri di Saviano, diretti dal maresciallo Mimmo Giannini, ed ha spiegato il presunto movente della lite e poi della sparatoria.

Secondo una prima ricostruzione, Iorio si sarebbe recato a Sant’Erasmo, frazione di Saviano, per affrontare R.P., ex fidanzato della sorella. R..P e la giovane si erano lasciati quest’estate, ma lui non si rassegnava e continuava a contattarla. Esasperato dalla condizione della sorella, Iorio avrebbe raggiunto Saviano per discutere con l’ex cognato. Ne sarebbe nata una discussione: prima l’alterco, poi pugni e schiaffi, infine Iorio avrebbe tirato fuori una pistola calibro nome legalmente denetuna con porto d’armi per la caccia e gli avrebbe esploso contro 5 colpi.

I proiettili hanno attinto R.P. all’addome ed al braccio sinistro. Gravemente ferito, è stato portato all’ospedale di Nola dove dovrà essere operato per estrarre i proiettili. E’ in prognosi riservata.

Ioirio è in carcere, in attesa dell’interrogatorio di convalida.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online