Il campanile della Chiesa è a rischio ad Avella, ordinanza del sindaco. Polemica della Protezione civile

chiesasettepreti_avelladi Bianca Bianco

AVELLA- Il Baianese messo in ginocchio da ventiquattro ore di pioggia e di vento ieri ha vissuto una giornata di relativa tranquillità meteorologica, ma le amministrazioni locali hanno dovuto occuparsi di risolvere le emergenze saltate fuori in un solo giorno di maltempo. Condizioni climatiche sicuramente eccezionali, ma disagi che hanno svelato l’esigenza di maggiore manutenzione della cosa pubblica nelle sei comunità mandamentali. Ordinaria amministrazione per i vigili del fuoco di Avellino, tornati nel comprensorio per attività di messa in sicurezza.

I sindaci di Baiano ed Avella hanno disposto la pulizia delle strade per liberarle da detriti e rami. Diversa la situazione per la chiesetta dei Sette preti ad Avella: l’edificio sacro settecentesco ha subito il contraccolpo delle raffiche, le sue già precarie condizioni hanno allarmato i cittadini di piazza Cappella e i volontari del Gruppo archeologico avellano. Questi ultimi hanno segnalato al sindaco Domenico Biancardi la caduta di calcinacci e chiesto immediati provvedimenti. Ieri mattina i vigili del fuoco hanno effettuato un sopralluogo nei pressi della struttura (già transennata nei giorni scorsi) e verificato che non ci sono pericoli di crollo per la chiesa mentre servono interventi per il campanile. Per questo motivo il primo cittadino ha emanato una ordinanza in cui impone ai cittadini di tenersi a distanza di sicurezza. Rispetto alla possibilità di restauri, Biancardi è laconico: “Non ci sono più i fondi regionali, interventi sono improbabili al momento”. Intanto per oggi e fino a domani è previsto ancora maltempo sul Baianese, i Comuni hanno già allertato le Protezioni civili ed i volontari per eventuali operazioni di soccorso.

Intanto il nucleo di Protezione civile di Avella ha diffuso un appello all’amministrazione, chiedendo più strumentazioni e più controlli strutturali sugli edifici: “Durante il nubifragio tra sabato e domenica , senza un equipaggiamento adeguato e senza mezzi, siamo intervenuti lo stesso a Via San Francesco e Via De Sanctis per proteggere la cittadinanza dopo che il vento forte ha abbattuto due pali dell’illuminazione pubblica . Facciamo il nostro dovere e speriamo che il Comune di Avella anche faccia il suo al più presto perché non possiamo intervenire senza mezzi , pale o quant’altro necessario. Inoltre dovrebbero verificare lo stato degli edifici pericolanti , dei pali dell’illuminazione , tralicci e alcuni canali otturati”.

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online