Arrestato al rione Provolera il figlio del defunto boss Gallo

Quando ha visto gli agenti del commissariato di Torre Annunziata, ha cercato in tutti i modi di eludere l’arresto, entrando in uno stabile attraverso il quale gli sarebbe stato possibile raggiungere il suo appartamento dal lastrico solare. I poliziotti, però, sono stati molto più veloci di Aniello Gallo , pregiudicato di 29 anni, figlio del defunto Carmine, affiliato al Clan malavitoso Limelli-Vangone  un tempo operante nei comuni limitrofi ed ucciso a seguito di un agguato camorristico a Roma, raggiungendolo e bloccandolo. Gallo, abitante nel tristemente conosciuto quartiere “Provolera”, era sottoposto da febbraio dello scorso anno, al regime degli arresti domiciliari, in quanto  riconosciuto colpevole del reato di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente. I poliziotti hanno arrestato l’uomo per il reato di evasione che, stamani, sarà giudicato con rito per direttissima..

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online