Virtus Cicciano brutta, sciupona ma vincente: battuto il Real Amicizia

di Salvatore Ioime

I virtusiani, autori di una partita al di sotto delle sue potenzialità, superano 4-2 il Real Amicizia. La partita inizia su ritmi blandi con le due squadre che si studiano nei primi minuti di gioco. Il Real Amicizia è autore di un possesso palla lento, che non mette in affanno la retroguardia ciccianese. I virtusiani attuano un pressing alto per sradicare velocemente la palla dai piedi degli avversari: la soluzione paga e il solito Ciro Caliendo porta i suoi in vantaggio con un bel diagonale che si insacca alle spalle del portiere avversario. Gli ospiti iniziano a rendersi pericolosi, ma il portiere della Virtus si supera senza troppo problemi. La prima frazione di gioco termina con il risultato di uno a zero per i padroni di casa, lenti ed impacciati in attacco, che però non subiscono le avanzate degli ospiti. Nella ripresa il monologo non cambia, ma il Real Amicizia trova il pareggio con una buona azione finalizzata sul secondo palo, che coglie impreparata la difesa ciccianese. I virtusiani non riescono a cambiare ritmo alla gara, provandoci così dalla distanza senza impensierire più di tanto il portiere avversario. Allora ci pensa ancora Ciro Caliendo a portare i suoi in vantaggio con un rasoterra, che si deposita nell’angolino basso. La Virtus costruisce gioco in maniera lenta, cambiando ritmo solamente con gli uomini di maggior talento. Il Real Amicizia non s’arrende e ci prova fino alla fine, trovando così il pareggio a dieci minuti dal termine con il suo pivot, lesto a girarsi e con un bel diagonale supera il portiere ciccianese. Negli ultimi minuti i padroni di casa provano l’assalto finale: Arvonio colpisce un palo clamoroso a tu per tu con il portiere avversario, Lettieri è impreciso in area. A cinque minuti dal termine, è il giovane pivot Fornaro a portare i suoi in vantaggio con un tiro sotto misura che può far sorridere i tanti tifosi presenti al Faibano Stadium. Nei minuti di recupero, doppietta personale per Fornaro che, a porta vuota, deposita il pallone in rete fissando il definitivo 4-2. Partita caratterizzata da un ritmo blando, con le due squadre che pensano prima a difendersi. La Virtus appare lenta e senza idee, non riuscendo a cambiare ritmo nella metà campo offensiva. Altri tre punti importanti per la compagine di mister Nello Lauro saldamente al terzo posto ma ora a meno 4 dalla vetta e a meno 3 dalla seconda posizione.

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online