Aggressione sugli spalti durante Scafati- Cap Nola, il capitano dei cestisti nolani in ospedale

Riccio ferito dopo l'aggressione

Riccio ferito dopo l’aggressione

NOLA- Il capitano del Cap Nola Nicola Riccio è stato aggredito sabato sera durante un match tra la squadra di basket nolana e lo Scafati. L’episodio è denunciato dalla società bruniana, Nicola Riccio è finito in ospedale per le ferite riportate.

Riccio, che è anche referente dell’area nolana per Libera, era sugli spalti con la tifoseria perché infortunato. Improvvisamente sarebbe stato aggredito dal padre di un giocatore scafatese che si era seduto sugli spalti riservati alla tifoseria del Cap.

L’uomo ha inveito contro  i giocatori del Nola peraltro nella fase di gioco in cui lo Scafati era in netto vantaggio sui nolani; si sarebbe scagliato contro i ragazzi seduti sugli spalti molto dietro di lui e che stavano incitando i loro beniamini.  A quel punto, questa la ricostruzione effettuata dal Cap, l’uomo si sarebbe avventato su un giocatore del Nola molto giovane. Capitan Riccio è intervenuto per calmare gli animi ma l’ultrà dello Scafati lo ha aggredito dandogli un pugno in pieno volto nonostante l’evidente infortunio del capitano bianconero, già col naso fasciato e steccato.

L’aggressione è stata bloccata dai presenti, sul posto è stato richiesto l’intervento dei carabinieri mentre Riccio è stato portato in ospedale per le lesioni al naso. Solidarietà al cestista nolano è stata espressa anche dai giocatori scafatesi, il Cap ha documentato l’accaduto e farà esposto agli organismi sportivi competenti.   Per la cronaca (quella sportiva), il match è terminato con la vittoria dei padroni di casa dello Scafati per 82 a 50. All’andata il Cap aveva vinto, stavolta però si è presentato sul parquet con numerosi infortuni che ne hanno pregiudicato la prestazione.  Risultato a parte,  a perdere è stato soprattutto lo sport.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online