Aree sviluppo industriali, il presidente della Provincia Pentangelo: ridisegniamo tutto

Antonio Pentangelo, presidente della Provincia Napoli

Antonio Pentangelo, presidente della Provincia Napoli

CASTELLO DI CISTERNA- “Ho incontrato  i rappresentanti del Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale di Napoli e con loro ho raggiunto un’intesa per l’aggiornamento dei Piani di Assetto Territoriale nei compartimenti di Castellammare/Torre Annunziata, Arzano/Casavatore e Castello di Cisterna. Si è trattato di una fondamentale ‘azione verità’ tendente a superare blocchi di carattere burocratico che non consentivano un corretto sviluppo dell’imprenditoria locale bloccando e non promuovendo nei fatti l’insediamento di nuove realtà produttive”.  E’ quanto comunica il presidente della provincia di Napoli, Antonio Pentangelo, all’indomani dell’incontro avuto con i rappresentanti dell’ASI.  “Siamo all’inizio di un lavoro congiunto di ricognizione sul territorio, propedeutica ad un rilancio reale e non teorico delle economie di zona, dove la burocrazia non riusciva più ad interpretare correttamente i nuovi scenari di politica industriale che nei tempi si sono notevolmente trasformati. Nei prossimi giorni – continua Antonio Pentangelo – ci confronteremo con le amministrazioni locali e le associazioni di categoria per disegnare, in maniera condivisa, i nuovi scenari.  Tutto ciò inciderà positivamente anche nella redazione dei P.U.C. (Piani Urbanistici Comunali) con riflessi positivi, oltre che sul piano della riqualificazione del tessuto produttivo, anche sul profilo morfologico ed ambientale.  Si punta ad individuare insomma collocazioni ideali per la domande di attività manifatturiere, logistiche, di grande distribuzione e terziarie, organizzando un’offerta efficace del territorio che tenga principalmente conto delle infrastrutture primarie per la mobilità esistenti”.
“Il tutto – ha concluso Antonio Pentangelo – in linea con la politica dei fatti che mira ad una reale riorganizzazione dell’area metropolitana di Napoli, indispensabile per nuovi investimenti e nuovi posti di lavoro” .

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online