Scoperta casa a luci rosse nel Baianese, blitz della Gdf: scattano le denunce

prostitutadi Bianca Bianco

MUGNANO DEL CARDINALE- Una casa di appuntamenti nel centro del paese. A scoprirla sono stati i militari della Guardia di Finanza di Baiano, coordinati dal maresciallo aiutante Marcello Daniele, nel corso di un blitz. Le Fiamme gialle hanno denunciato una prostituta dominicana e segnalato anche il proprietario dell’immobile.

Erano le 19 quando i finanzieri hanno fatto irruzione in una casa su due piani, nei pressi dello stadio “Angelo Sanseverino”. Nell’abitazione hanno trovato una donna di origine domenicana ed un uomo che, secondo quanto ricostruito dai militari, aveva appeno ‘consumato’ una prestazione sessuale. Il cliente ha provato a giustificarsi, non è stato comunque denunciato. Altri due clienti stavano attendendo fuori, e sono scappati quando hanno visto l’auto della Gdf di Baiano.

All’interno dell’abitazione i militari hanno rinvenuto 4 telefoni cellulari, con cui la donna riceveva le chiamate e fissava appuntamenti, 350 euro in contanti, frutto si presume dell’attività illecita, e 70 scatole di preservativi. La donna non era la sola a ‘lavorare’ nella casa a luci rosse. Con lei altre due prostitute straniere che però al momento del blitz non erano presenti.

Secondo le indagini, le prostitute mettevano annunci su giornali e siti di incontri erotici. Quando venivano contattate davano l’indirizzo della casa di Mugnano. La clientela era soprattutto del Nolano e del Napoletano.

La dominicana è stata denunciata per violazione della legge Merlin sulle case ‘chiuse’; il proprietario dell’immobile è stato solo segnalato. Il contratto di affitto era invece regolare, dunque si dovrà accertare se il locatore sapesse cosa avveniva nella abitazione di sua proprietà.

Si tratta della prima casa a luci rosse scoperta nel Mandamento baianese, un fatto che ha creato scandalo e sconcertato il paese visto che le ragazze ‘esercitavanoi’ in una strada centralissima.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online