Rissa in un locale, pub devastato e tre giovani arrestati

NAPOLI- Questa notte, i poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli, hanno arrestato il 33enne di Bagnoli Ciro Caso, il 51enne Ciro Troise ed il 22enne  Gennaro Branno entrambi di Montecalvario.  Il primo è ritenuto responsabile del reato di resistenza a pubblico ufficiale. Gli altri due, in concorso con lo stesso Caso, sono ritenuti responsabili di lesioni aggravate e danneggiamento aggravato.

All’ 1.30, gli agenti si sono precipitati in Via Cisterna dell’Olio dove era stata segnalata una violenta rissa all’interno di un locale. Giunti in forze sul posto hanno subito raccolto la testimonianza di alcuni presenti che hanno dichiarato di essere stati brutalmente malmenati da un gruppo di circa 6 persone. In particolare sono poi riusciti a descrivere le fattezze fisiche e l’abbigliamento di tre membri del violento gruppo fuggito dopo l’aggressione in direzione di Via Tarsia. Alcuni poliziotti si sono quindi diretti verso quella strada e dopo alcuni minuti hanno rintracciato uno degli aggressori descritti: si trattava di Ciro Caso. Il giovane, già noto per i suoi precedenti e per l’obbligo di dimora cui era stato sottoposto in gennaio, aveva gli indumenti ancora sporchi di sangue. Il 33enne ha prima cercato di convincerli a lasciarlo andare per poi provare a svincolarsi aggredendoli. Con  non poche difficoltà è stato comunque bloccato ed arrestato. Poco più avanti sono stati bloccati ed arrestati anche gli altri due complici.

Dopo l’arresto dei tre malviventi, i poliziotti hanno fatto intervenire personale del 118 che ha condotto all’Ospedale Loreto Nuovo due feriti: due 21enni che per i vari traumi e contusioni sono stati medicati e giudicati guaribili in 7 e 21 giorni. Da un’ispezione sul luogo è poi emerso che i bulli calati dai “Quartieri” avevano devastato il locale e le sue suppellettili per un danno non ancora quantificato ma di sicuro ingente. Questa mattina saranno giudicati con rito direttissimo innanzi al Giudice Monocratico del Tribunale di Napoli..

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online