Camorra, affiliato del clan Ciccarelli ucciso a mitragliate

 

Foto generica

Foto generica

CARDITO- Un’esecuzione feroce. Mattia Iavarone, 36 anni, è stato ucciso da nove colpi calibro 9 esplosi da una mitraglietta: due lo hanno raggiunto al mento, uno alla gola e sei alle spalle.  Iavarone era fermo nella sua auto nei pressi del campo sportivo di Cardito, nel Napoletano. Secondo gli inquirenti, la vittima era un affiliato del clan Ciccarelli, che gestisce lo spaccio della droga nel famigerato Parco Verde di Caivano. L’uomo conviveva con la figlia di Rosa Amato, soprannominata “Rosetta ‘a terrorista”, attualmente agli arresti domiciliari, ritenuta dagli inquirenti colei che gestisce lo spaccio nel Parco Verde. Secondo i carabinieri di Casoria, l’omicidio di Iavarone potrebbe essere messo in collegamento con il ritrovamento, avvenuto sempre ieri sera proprio a Casoria (in via Fosso del Torricchio), di una Ford Fiesta completamente distrutta dalle fiamme, rubata a Caivano lo scorso 14 aprile. . Nell’abitacolo c’erano un bossolo, un’ogiva e una cartuccia inesplosa tutti calibro 9 e tutti compatibili con la mitraglietta Uzi usata per uccidere Iavarone. In auto anche una pistola Magnum 375, con la matricola abrasa, completamente carica. Forse l’arma di riserva dei killer. 

Fonte Rainews.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online