Avella, Procura mette sotto inchiesta il Consiglio. Palmieri: famiglia mai agevolata

2014-06-05 17.18.12AVELLA- “No comment”. Questa  in estrema sintesi la risposta di Domenico Biancardi, sindaco di Avella, alla domanda sulle indagini avviate dalla Procura per abuso d’ufficio nella vicenda di casa Abate. “Al momento non mi risultano avvisi, ma preferisco non commentare “. La Procura della Repubblica ha indagato Biancardi, e si preannunciano avvisi per tutto il Consiglio che ha votato il 5 giugno la delibera di acquisizione dell’immobile di via Sant’Angelo. Un giro di vite giudiziario in una vicenda che ha coinvolto e diviso l’opinione pubblica locale e provinciale. Una storia che farà discutere per molti giorni se, come scrive oggi Il Mattino, la Procura ha deciso di trascinare l’intera assemblea consiliare dinanzi i giudici con accuse gravi.

Pellegrino Palmieri, consigliere di opposizione, commenta invece l’inchiesta della Procura avellinese: “Sulla vicenda di Pasquale Abate c’è stata grande emotività e grande coinvolgimento, ma le autorità dovrebbero comprendere e valutare ogni aspetto della storia della casa di via Sant’Angelo e non ridurla ad una sfida che l’ente avrebbe dichiarato ai magistrati. Sfida che non c’è mai stata, anche se i toni sono stati alti in certe occasioni”. Sulla delibera del 5 giugno oggetto dell’inchiesta (e sequestrata), Palmieri precisa: “Quella delibera non ha agevolato la famiglia Abate né è stato un abuso. Prima della delibera Abate restava comunque proprietario dell’interrato  e del terreno. Dopo la delibera è stato ‘spossessato’ e nel possesso è subentrato l’ente che, ritenendo non vi fossero violazioni di vincoli ambientali e urbanistici ha ritenuto di acquisirlo e di non danneggiare, perdendo l’immobile, le casse comunali”. Con l’abbattimento ora si potrebbe prefigurare la richiesta di risarcimento dei coniugi Abate, con possibili ripercussioni per l’ente che dovrebbe pagare per una questione iniziata 10 anni fa in cui ci sono sì responsabilità ma forse da ricercare indietro nel tempo.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online