De Rossi: “Io il più pagato della Serie A ma non rubo nulla. Solo una cosa mi fa vergognare…”

di Salvatore Lavino (Contra-Ataque.it)

Daniele De Rossi ha rilasciato un’intervista all’edizione odierna de “La Repubblica” in edicola oggi. Tanti gli argomenti toccati dal centrocampista di Roma e Nazionale, a cominciare da un bilancio della sua carriera:

De Rossi ammette: “Forse sarebbe stato conveniente per me lasciare l’Italia a 20 anni per maturare un’esperienza importante all’estero, sia di calcio che di vita. Avrei anche potuto giocare piùChampions League così, chissà, e delle finali. Partite così con il mio club non ne ho mai giocate, ma la quotidianità che mi sono creato qui è difficile, per non dire impossibile da lasciare. Roma ti strega, qui c’è la mia famiglia e ho tutto ciò che potrei desiderare”.

GIOCO PER SOLDI – De Rossi giustifica quello che è il proprioingaggio di 6,5 mln di euro a stagione“Sono il giocatore più pagato della Serie A, ne sono consapevole ed anche i tifosi, per i quali dovrei vergognarmi quando non gioco bene. Ma di certo a me non fa piacere ‘toppare’ quando sono in campo. Io comunque non l’ho mai nascosto, anche quando dovevo rinnovare il contratto: gioco per chi mi paga di più, lo impongono il mercato e la vita, io non rubo nulla ed anzi sono fiero di non aver mai creato problemi, nemmeno quandoZeman non mi faceva giocare”.

UNA MACCHIA C’E’ – Ma De Rossi di qualcosa si vergogna:“Ai Mondiali di Germania 2006 feci un fallo molto brutto sullo statunitense McBride. Non sono una carogna, non sono un violento e non rosico se qualcuno mi supera. Però non mi piace quando nel bel mezzo della partita l’avversario mi strattone, mi provoca, mi tocca, ma credo che una cosa simile non succederà mai più…forse”.

DE ROSSI PREOCCUPATO – Per concludere De Rossi si esprime sugli incidenti prima della finale diCoppa Italia fra Napoli e Fiorentina all’esterno dell’Olimpico di Roma: “E’ una cosa molto brutta che non sarebbe mai dovuta succedere. Questo mi preoccupa in ottica futura quando si giocherannoRoma-Napoli e Roma-Fiorentina. Gli ultras hanno i loro codici e se non rispetti uno che ancora lotta per vivere in ospedale questa cosa non lascia tranquilli”.

fonte: https://www.maidirecalcio.com/2014/06/06/de-rossi-io-il-piu-pagato-della-serie-a-ma-non-rubo-nulla-solo-una-cosa-mi-fa-vergognare.html#.U5HAZ3J_vK0

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online