Evade per andare al battesimo della figlia, 32enne affiliato ai Fabbrocino arrestato durante il ricevimento

carabinieriarrestoSAN GENNARO VESUVIANO- Evade dai domiciliari per andare al battesimo della figlia. L’amore paterno è costato caro ad un 32enne di San Gennaro Vesuviano, presunto affiliato al clan Fabbrocino, arrestato dai carabinieri per avere violato la misura cautelare degli arresti in casa. Luigi Cozzolino, residente a San Gennaro, aveva ottenuto il permesso di assistere alla funzione in chiesa (il battesimo si teneva presso una chiesa di San Gennaro, la parrocchia di San Gioacchino e Sant’Anna) ma avrebbe dovuto tornare subito a casa alle 12. Lui però non ha adempiuto all’obbligo ed ha proseguito la festa per la piccolina in un ristorante del Vesuviano. Una violazione che gli ha rovinato i festeggiamenti perché i carabinieri lo hanno rintracciato ed arrestato nel primo pomeriggio.

L’uomo era sottoposto agli arresti domiciliari su ordinanza della Corte di Appello di Napoli poiché ritenuto responsabile di detenzione e porto illegali di armi da guerra e comuni da sparo e di lesioni personali pluriaggravate aggravati dal metodo mafioso commessi a Saviano il 18 giugno del 2012.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online