Maturità 2014, prima prova: Quasimodo, Renzo Piano, Il dono e l’Europa di ieri e di oggi

NOLA- Maturità 2014, la prima prova è sul poeta Salvatore Quasimodo. Ride la gazza, nera sugli aranci, in Ed è subito sera, il brano da commentare. Le altre tracce riguardano: “Violenza e non-violenza: due volti del Novecento” (ambito storico- politico);  Tecnologia pervasiva (ambito tecnico scientifico); “L‟Europa del 1914 e l‟Europa del 2014: quali le differenze?” (tema storico); un brano di Renzo Piano sulle pèeriferie per il tema libero.  Per i candidati il solito ventaglio di scelte: analisi del testo, redazione di un articolo di giornale/saggio breve, tema di argomento storico, tema di ordine generale. I candidati hanno 6 ore per lo svolgimento. La seconda prova scritta si svolgerà domani, mentre la terza e ultima è in calendario, dopo il week end di pausa, per lunedì 23 giugno.

ECCO LE TRACCE NEL DETTAGLIO:

Per l’analisi del testo quest’anno tocca a Salvatore Quasimodo, uno dei più grandi poeti italiani del Novecento, premio Nobel nel 1968. Dell’autore il Ministero dell’Istruzione ha chiesto di analizzare  “Ride la gazza, nera sugli aranci” in Ed è subito sera. “Nella lirica Ride la gazza, nera sugli aranci, la rievocazione della Sicilia si fonde con quella dell‟infanzia e della comunione con la natura, in contrasto con il dolore presente della vita”.  La traccia chiede di spiegare alcune espressioni della poesia ed i motivi in essa riportati, sottolineando le tematiche della fanciullezza, della memoria e della comunione con la natura.

 

Per l’articolo- saggio breve la prova ha come argomento principale “Il dono”. I documenti allegati sono un brano de “Il dono di Natale” di Grazia Deledda, Minima Moralia di Theodor Adorno, “Il dono al tempo di Internet” di Marco Aime e Anna Cosetta, un brano di Mark Anspach “”Cosa significa ricambiare?, “Dono senza reciprocità” di Enzo Bianchi.

 

Ecco invece i temi dei diversi ambiti. Per quello socio economico si deve scrivere de “Le nuove responsabilità”; per l’ambito storico politico la traccia è “Violenza e non-violenza: due volti del Novecento”; per l’ambito tecnico- scientifico si scrive di “Tecnologia pervasiva”.

 

Ecco la traccia storica: “L‟Europa del 1914 e l‟Europa del 2014: quali le differenze? Il candidato esamini la questione sotto almeno tre dei seguenti profili: forme istituzionali degli Stati principali; stratificazione sociale; rapporti fra cittadini e istituzioni; sistemi di alleanze; rapporti fra gli Stati europei; rapporti
fra l‟Europa e il resto del mondo”.

Infine il tema di ordine generale prende spunto da una frase di Renzo Piano, architetto di fama mondiale, sulle periferie tratto da “Il rammendo delle periferie, “Il Sole 24 ORE” “del 26 gennaio 2014.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com