Mondiali 2014, il ct Prandelli si è dimesso: non rubo i soldi dei contribuenti. Lascia anche Abete

NATAL – Poche parole ma decise. “Mi dimetto, sono responsabile del fallimento progetto tecnico e prendo atto dei risultati – ha detto Cesare Prandelli ormai ex ct della nazionale italiana alla conferenza stampa post partita – ma non si deve dire che rubo i soldi dei contribuenti. Le mie dimissioni sono irrevocabili”. E alla fine sono arrivate anche le dimissioni del presidente della Figc Giancarlo Abete: “Spazio al nuovo presidente, abbiamo fatto il massimo, avevo già preso questa decisione prima del Mondiale e spero che Prandelli ci ripensi”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online