Convegno Pd con rissa a Visciano, M5s accusa: siamo stati aggrediti. I Democratici: gli unici violenti sono loro

Sabatino Trinchese (primo da destra, col microfono)

Sabatino Trinchese (primo da destra, col microfono)

VISCIANO- Convegno con “rissa” tra Pd e Movimento cinque stelle a Visciano. Il dibattito su territorio ed enti locali finisce con le accuse dei pentastellati e la difesa dei piddini. L’evento dal titolo “Territorio, enti locali, Europa” ha visto ospiti come il deputato Pd Massimiliano Manfredi, Nicola Caputo (europarlamentare del Pd) e Assunta Tartaglione, segretaria regionale Pd.  I rappresentanti del Movimento cinque stelle hanno tentato di intervenire, senza successo, e di avvicinare il deputato Manfredi per porre domande: “Abbiamo insistito cercando un dialogo- raccontano-  ma non c’è stato modo di ottenerlo. Così abbiamo gridato alla vergogna per le menzogne che raccontano ai cittadini italiani”. Gli interventi dei giovani esponenti del partito di Grillo riguardavano Caputo e le indagini per peculato e truffa in cui è coinvolto e le dichiarazioni di Manfredi sui fondi non erogati dalla Regione Campania. Dopo i tentativi di porre domande, raccontano, “alcuni simpatizzanti ci hanno strappato la telecamera dalle mani e ci hanno aggredito, spintonandoci per le scale e buttandoci a terra. Siamo stati assaliti da alcuni simpatizzanti del Pd per aver cercato di difendere i loro stessi diritti. Questa è la morale della favola, senza reagire abbiamo solo cercato di parlare”.

 

Alle accuse del M5s risponde il Partito democratico di Visciano: “Si parla di aggressione e di rissa quando, invece, non c’è stato nulla di tutto ciò. Gli unici strumenti usati in quei 5 minuti di “dibattito” con i grillini sono state solo parole; pesanti quelle utilizzate dai “grillini”, educate e precise le nostre.  Gli unici a usare dei modi più bruschi, infatti, per non dire violenti, per richiamare l’attenzione sono stati proprio i “grillini” che hanno cercato di disturbare la bellissima manifestazione sperando in una nostra reazione. Purtroppo questi personaggi puntano a fare una politica fatta di scoop, bugie e caos mentre noi cerchiamo di farla con cose concrete”.

Print Friendly, PDF & Email