Elezioni regionali, ineleggibilità per i sindaci di comuni con più di 5mila abitanti

NOLA- I sindaci dei Comuni della Campania con oltre 5 mila abitanti diventano ineleggibili. Potranno candidarsi alle elezioni regionali solo se si dimetteranno dalla carica almeno 30 giorni prima dello svolgimento della competizione elettorale, ovvero ”non oltre il giorno fissato per la presentazione delle candidature”. E’ quanto prevede una norma inserita nel Collegato al Bilancio 2014, in discussione in Consiglio regionale e che dovrebbe essere approvato questa sera. Sul collegato al Bilancio il governo regionale, a norma di Statuto, ha posto la questione di fiducia. In base a questa norma, ad esempio, il sindaco di Salerno, Enzo De Luca, per candidarsi alle prossime regionali (in programma nel 2015) dovra’ dimettersi 30 giorni prima delle elezioni. Nel 2010 De Luca si e’ candidato a governatore della Regione Campania, sfidando per il centrosinistra il presidente Stefano Caldoro, ma ha mantenuto l’incarico di sindaco. Le opposizioni hanno ribattezzato la norma sulla ineleggibilita’ come ‘la legge anti-De Luca’. 

Nell’area nolana due anni fa scoppiò il caso di Carmine Sommese, sindaco di Saviano e consigliere regionale. Caso rientrato dopo la ‘riammissione’ di Roberto Conte che Sommese aveva ‘surrogato’.

Fonte ASCA

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online