Fidanzamento si trasforma in incubo, 43enne in manette per stalking

NAPOLI- Gli agenti del Commissariato di San Carlo Arena  hanno arrestato nel pomeriggio di ieri Antonio Celentano, 43enne napoletano, responsabile di atti persecutori, tentato omicidio, lesioni personali permanenti. La vittima, una 30enne del quartiere San Carlo, ha denunciato alla polizia che circa 2 anni fa si era fidanzata con il Celentano, andando a vivere con lui in un appartamento di Viale Colli Aminei lo scorso mese di aprile. Già dopo pochi giorni erano cominciate le prime avvisaglie del carattere violento dell’uomo, il quale, a seguito di una banale lite, aveva costretto la ragazza a chiudersi a chiave nella camera da letto per sfuggire alla sua violenza, e solo l’intervento di una volante chiamata dalla donna, lo aveva fatto desistere dai suoi propositi. A seguito dell’episodio, la ragazza se n’era tornata a casa dei genitori, ma poi s’era fatta convincere a tornare assieme al Celentano. Poi, nel giugno scorso, a seguito di un’ennesima lite avvenuta sul pianerottolo, l’uomo l’aveva aggredita, prima con forti schiaffi e poi con una raffica di cazzotti alla testa fino a farla cadere a terra; una volta a terra, l’uomo l’aveva continuata a colpire con calci e pugni, per poi scappare. Una volta ripresasi, la donna era andata in ospedale e, dopo due giorni di riposo era nuovamente tornata alla casa paterna. Ma ancora una volta, la vittima si era fatta persuadere a tornare a vivere con il suo aguzzino, salvo, poi, dopo pochi giorni, andarsene definitivamente, a causa del carattere violento di lui.  Ai primi di agosto – mentre nel frattempo il Celentano continuava ad inviare sms, email e fare telefonate -, la donna si era sentita male e si era recata in ospedale dove i sanitari le hanno riscontrato una pregressa frattura ad una costola, un trauma al polmone e una lesione da trauma al rene, procuratele dalle botte dell’uomo. Pertanto, Antonio Celentano è stato tratto in arresto e condotto al carcere di Poggioreale.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online