Rifiuti, sequestrata ex cava di 33mila metri quadrati utilizzata come discarica

CAPUA – Il Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Caserta, a seguito di indagini coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, ha eseguito un decreto di sequestro preventivo di un’area di circa 33mila mq ubicata nella periferia del comune di Capua, su cui insiste una cava dismessa adibita a discarica abusiva, di circa 17mila metri cubi di rifiuti, nonché di due camion e una pala meccanica utilizzati rispettivamente per il trasporto e l’interramento dei rifiuti. Il sequestro è stato disposto per evitare l’aggravamento della situazione di degrado attraverso ulteriori sversamenti di sostanze all’interno della ex cava. Le indagini hanno accertato un frenetico via vai di camion, specialmente durante le ore notturne, lungo la strada che consudce a Grazzanise, nei pressi del fiume Volturno. Dai sopralluoghi effettuati dai finanzieri nella zona segnalata, è stata riscontrata l’esistenza di una cava dismessa nella quale vi erano evidenti segni di cingoli di macchine operatrici che portavano a ipotizzare che, al suo interno, venissero sversati rifiuti di ogni genere per essere, successivamente, ricoperti da terriccio. Sono stati infatti trovati rimanenze di inerti provenienti da cantieri, materiali plastici e copertoni, altamente inquinanti in quanto a ridosso dell’argine del fiume Volturno. Attraverso lunghe attività di monitoraggio è stato possibile risalire alla ditta di trasporti, risultata dai successivi accertamenti non in possesso dell’autorizzazione per la gestione di siti o discariche. Il titolare dell’impresa e l’autista dei camion che aveva effettuato i viaggi e gli sversamenti illeciti sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per il reato di attività di gestione di rifiuti non autorizzata. (adnkronos)

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online