Il Vitula mette paura al Nola, per fortuna che c’è Di Biase

DSC01746NOLA-  (di Vincenzo Capezzuto) – Finisce con un pareggio la delicata sfida tra Nola e Vitula, due squadre inserite di diritto tra le candidate al salto di categoria. Gara bella e divertente, con occasioni per entrambe le squadre. Pari anche il conto dei legni. Nola bello solo a metà. Dopo un primo tempo giocato senza mordente e in modo assai confusionario (e con il Vitula che avrebbe meritato il vantaggio), i bianconeri cambiano marcia nella ripresa mettendo sotto l’avversario. Entrambe le reti nella ripresa: al vantaggio ospite con Scarpato rispondere per il Nola Gerardo Di Biase.

La chiave tattica. Nola con il consueto 4-4-2 “atipico”. Esterni d’attacco molto alti e una seconda punta chiamata spesso a dare un mano a centrocampo. Nessuna novità in difesa con Zero e Caccavale (recuperato dopo l’infortunio a Casalnuovo) al centro, l’under Manzo a destra e Caliendo a sinistra. In mediana Sasso e peppe Della Marca con il baby Porto a destra e Dell’Anno a sinistra. In avanti inedito tandem Conte-Nappi. Confermato Balbi tra i pali. Il Nola però non riesce a carburare, soffre parecchio a centrocampo e in avanti non incide per nulla. 20 minuti e mister Santaniello cambia: Conte a destra, Porto a sinistra e Dell’Anno dietro Nappi. La mossa produce poco (qualche conclusione senza pretese e nulla più), con Conte e Dell’Anno che spesso si pestano i piedi. Nella ripresa il Nola rientra in campo più convinto, ma è con gli inserimenti di Della Marca Alessandro a centrocampo e Gerardo Di Biase al fianco di Nappi che la musica cambia. I bianconeri premono sull’acceleratore, colpiscono un legno e creano tre-quattro occasioni da gol nitide.

Lavori in corso. Tre passi avanti, un passo indietro. Il Nola è ancora alla ricerca della giusta quadratura. Non c’è dubbio che l’intesa è ancora da affinare, visto che il gruppo è ‘nuovo’, composto da numerosi elementi che mai avevano giocato insieme. Soprattutto a centrocampo la squadra va spesso in sofferenza. Con Nappi ancora alla ricerca del top della forma, e con poche soluzioni in mediana, la squadra è spesso costretta a giocare sugli esterni, cosa che favorisce gli avversari che hanno gioco facile a prendere le contromisure. Grinta e carattere comunque non mancano, nella ripresa si è visto un buon Nola (anche dal punto di vista del gioco). Ma la strada intrapresa sembra essere quella giusta, ma il cammino è ancora lunga e c’è parecchio lavoro da fare. Manca un po’ di continuità (e nel gioco e nei risultati), con un’intesa che cresce ma è ancora da affinare. Come si dice in questi casi: rimboccarsi le maniche e lavorare sodo.

La cronaca. Gara dai due volti. Nel primo tempo Vitula di rimessa e Nola che gira a vuoto. In avvio gli ospiti si fanno vedere con Cuccari e Vanori. Per vedere una conclusione del Nola bisogna attendere il 20’ con una punizione di Sasso che finisce a lato. Poco dopo il Vitula va vicinissimo al vantaggio con una gran botta dalla distanza di Scarpato che colpisce la parte alta della traversa. Il Nola replica con due conclusioni ‘telefonate’ di Dell’Anno. Nel finale altra occasionissima per gli ospiti: Insigne va via sulla destra e serve un pallone d’oro all’accorrente Scarpato che, solo soletto a centro area, spedisce la sfera in orbita.

Nella ripresa il Nola cambia marcia. Ci provano Nappi (due volte è bravo il portiere avversario Pompeo) e Caccavale di testa (esterno della rete). Poi è il neo entrato Della Marca Alessandro a fallire una ghiotta occasione dal limite (infelice scelta di calciare d’esterno). Al primo break il Vitula passa. Punizione dalla trequarti di Scarpato con la palla che assume una traiettoria beffarda che inganna Balbi, carambola sul palo e finisce in rete. Il Nola prova a reagire trascinata da in indemoniato Di Biase che al 70’ manda di un soffio al lato. Poco dopo aggiusta la mira di testa e colpisce il palo interno con la palla che schizza via senza che nessuno riesca a deviare. Il gol arriva al 78’ con Di Biase che, su traversone di Caliendo, non dà scampo all’estremo difensore avversario. Trascinata dal pubblico il Nola ci prova, inutilmente, fino all’ultimo.

NOLA 1

VITULA 1

NOLA (4-4-2): Balbi; Manzo, Caccavale, Zero, Caliendo; Porto (62’ Di Biase), Sasso (57’ Della Marca A.), Della Marca G., Dell’Anno; Conte, Nappi (82’ Di Napoli). All. Santaniello

VITULA (4-4-2): Pompeo; Nacca, Della Gatta, Di Maio, Vanore; Della Valle (85’ Formicola), Pellino, Cuccari A., Benincasa (50’ Capobianco); Insigne, Scarpato (90’ Cuccari G.). All. Villano

ARBITRO: Guida di Torre Annunziata (Assistenti Piedipalumbo e Troise di Torre Annunziata)

RETI: 64’Scarpato (V), 78’ Di Biase (N)

NOTE: Spettatori 450 circa. Ammoniti Caccavale (N), Di Maio (V), Conte (N). Recupero 0+4.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online