Napoli-Hellas Verona 6-2, Higuain è tornato a ruggire

di Salvatore Ioime (Maidirecalcio.com)

Il Napoli torna alla vittoria al San Paolo. Una doppietta di Hamsik, la tripletta di Higuain e la rete del solito Callejon regalano tre punti importantissimi alla squadra di Benitez contro un buon Verona, che gioca ad alti livelli per 75′.

IL TABELLINO DEL MATCH

Napoli (4-2-3-1): Rafael 6 ; Maggio 6, Albiol 6.5, Koulibaly 6.5, Ghoulam 6.5; Jorginho 6 (71′ Inler 6) , David Lopez 6; Insigne 7 (78′ Mertens s.v.), Hamsik 7 (85′ Henrique s.v.), Callejon 6.5; Higuain 8. A disp.: Colombo, Andujar, Henrique, De Guzman, Mertens, Mesto, Michu, Radosevic, Inler, Zapata. All.: Rafa Benitez.

Verona (3-5-2): Rafael 6.5, Sorensen 6, Moras 6, Marques 6, Martic 6, Brivio 5.5, Tachtsidis 5.5, Ionita 6, Hallfredsson 6.5 , Gomez Taleb 5.5, Toni 5. A disp.: Benussi, Gollini, Saviola, Jankovic, Luna, Lopez, Valoti, Campanharo, Agostini, Gonzalez, Nenè. All.: Andrea Mandorlini.

Reti: 1’Hallfredsson, 44′, 58’Hamsik, 66′ Nico Lopez, 68′, 84′, 90′ Higuain

Ammoniti: Jorginho, Ionita

Arbitro: Andrea Gervasoni di Mantova

IL MIGLIORE IN CAMPO – HIGUAIN 8 – “El Pipita” torna al gol e lo fa per ben tre volte. Tripletta personale per l’attaccante argentino che ruggisce davanti ai propri tifosi

HAMSIK RISPONDE AD HALLFREDSSON – Pronti, via e dopo appena 26” il Verona passa in vantaggio al San Paolo con un gran tiro di Hallfredsson, che s’insacca alla sinistra di Rafael Cabral. Il Napoli, però, non ci sta ed inizia ad attaccare con tutti i propri effettivi: l’uomo più pericoloso è Lorenzo Insigne. Il talento di Frattamaggiore prova più volte la giocata vincente, soprattutto con tiri da fuori che impegnano il portiere veronese che, però, non si lascia superare. Col passare dei minuti, la squadra di Benitez continua ad alzare il proprio baricentro, mettendo letteralmente alle corde l’undici di Mandorlini: il portiere ospite si salva su una conclusione di Higuain ben imbeccato dal solito Insigne. Il gol dei partenopei è nell’aria e all’44’ arriva il pareggio di Marek Hamsik con un forte tiro da due passi da Rafael. Dopo il gol subito dopo neanche un minuto, i padroni di casa hanno costruito numerose occasioni ma la rete del pareggio è arrivata solo nell’ultimo minuto della prima frazione di gioco.

IL RISVEGLIO DI HIGUAIN – La ripresa inizia con lo stesso monologo: sono sempre i partenopei a gestire il gioco con il Verona che si difende con tutti gli uomini. La manovra degli uomini di Benitez ci provano due volte con Callejon, ma le conclusioni dello spagnolo sono imprecise. Il Napoli è vivo e all’58’ arriva il raddoppio con la doppietta personale di Marek Hamsik, che insacca alle spalle di Rafael. La squadra di Mandorlini non riesce a superare il centrocampo e così il tecnico veronese opta per Nené e Nico Lopez al posto di uno spento Toni e di Sorensen. Ed è proprio “El Conejo” a pareggiare i conti all’66′: dopo aver superato David Lopez e Koulibaly, l’attaccante veronese sfodera un sinistro imprendibile per il portiere del Napoli. I padroni di casa, però, continuano ad imbastire la manovra e, dopo solo un minuto, ci pensa Gonzalo Higuain a riportare in vantaggio i suoi con un’azione personale culminato con un destro piazzato. I partenoepi non si stancano, anzi aumentano ancora il ritmo non facendo calare mai l’intensità del proprio gioco. Il Verona si sbilancia alla ricerca del gol del pareggio e in contropiede Callejon segna il 4-2 con un diagonale mortifero: è un Napoli in stato di grazia. La squadra di Mandorlini accusa il colpo e i padroni di casa dilagano nel finale con altre due reti del “Pipita” Higuain: prima con un tocco sotto misura, poi direttamente dagli undici metri l’attaccante argentino fissa il risultato sul definitivo 6-2. Vittoria schiacciante del Napoli contro un buonissimo Verona, che resta in partita per oltre 75′. Tre punti importanti per ripartire dopo l’inaspettata sconfitta in Europa League.

 

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com