Nola festeggia San Felice, week end all’insegna di fede e bontà

Foto Giostra PanoramicaNOLA- Nola e la sua tradizione dolciaria protagoniste della festa del santo patrono, Felice vescovo e martire. Sabato 15 e domenica 16 novembre: piazza Duomo sarà teatro di una importante iniziativa gastronomica con una due giorni interamente dedicata al gusto e al palato attraverso la degustazione gratuita dei prodotti tipici locali e con la partecipazione dei maestri pasticceri nolani impegnati nella produzione di torrone e di cioccolato. Con loro in piazza anche gli artigiani di San Marco dei Cavoti a suggello di un gemellaggio che seguirà poi nel piccolo comune beneventano dal 5 al 14 dicembre prossimi con la partecipazione di Nola alla “festa del croccantino” che rappresenta un appuntamento importante per promuovere l’immagine delle eccellenze gastronomiche del made in Italy con una notevole ricaduta anche in termini di indotto economico.

Non solo golosità, ma anche diversi momenti di gioco e di intrattenimento con spettacoli di animazione per bambini e la presenza di una giostra panoramica a disposizione di tutti. Le iniziative in programma, organizzate dall’assessorato ai beni ed alle attività culturali dell’ente di piazza Duomo, faranno da cornice ai momenti religiosi tanto attesi, a cominciare dalla processione del busto argento del santo per le vie del centro storico e dalle celebrazioni in cattedrale dove i fedeli si riuniranno per attendere il miracolo della manna.

“Una vetrina importante per Nola che, attraverso un programma mirato, punta a valorizzare la tradizione legata al santo patrono offrendo proposte interessanti ed alternative – ha dichiarato l’assessore ai beni ed alle attività culturali, Cinzia Trinchese -. Anche quest’anno, sulla scia del successo del 2013, la tre giorni organizzata sarà interamente dedicata ai bambini che avranno la possibilità di divertirsi in città. Piazza Duomo si appresta a diventare regina della golosità e dell’intrattenimento con il torrone protagonista assoluto. Un progetto – ha continuato l’assessore Trinchese -, che punta a valorizzare le risorse del nostro territorio esportandole fuori dai confini locali in contesti prestigiosi. Nessuno “sfratto” alle storiche bancarelle dunque che, invece, animeranno le altre piazze per garantire un’offerta sempre maggiore ai tanti visitatori che verranno in quei giorni in città”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com