Evasione in area industriale, assessore Russo: task force continua

Antonio Russo

Antonio Russo

NOLA- A fronte di quattro ricorsi persi e contro i quali l’amministrazione ha fatto opposizione, ci sono decine di altri casi in cui il Comune di Nola ha ottenuto sentenze favorevoli della Commissione regionale tributaria. Lo afferma l’assessore al Bilancio Antonio Russo commentando la notizia dei quattro ricorsi presentati da altrettante aziende dell’area industriale di Nola contro l’azione di recupero della tassa sui rifiuti attuata dell’amministrazione nei loro confronti: ricorsi accolti dalla Commissione, contro i quali l’ente di piazza Duomo ha proposto appello.

“L’attività di riscossione dei crediti fiscali vantati nei confronti delle aziende dell’area Asi di Nola interessa ben 200 imprese- dichiara Russo-  la maggioranza delle quali paga regolarmente le somme iscritte a ruolo. Chi ha scelto la strada del ricorso troverà nell’amministrazione comunale la ferma opposizione, determinata dalla legittimità delle richieste effettuate nei confronti di chi usufruisce dei servizi comunali. E’ bene inoltre sottolineare che, accanto alle 4 sentenze, assolutamente non definitive, occorrerebbe aggiungere 5 provvedimenti caratterizzati invece dal rigetto totale del ricorso, numerosi altre misure attraverso le quali i giudici si sono pronunciati accogliendo parzialmente le istanze delle imprese ed una in cui a dare torto definitivamente ai ricorrenti è stata la commissione tributaria regionale”.

Nel caso delle quattro aziende il cui ricorso è stato per ora accolto, Russo afferma: “La decisione, che ribadisco non è definitiva, è stata sicuramente determinata dal comportamento omissivo di funzionari comunali che, non avendo eseguito l’indicazione dell’amministrazione a favorire la costituzione in giudizio, hanno contribuito a far pendere la bilancia della giustizia dalla parte dei ricorrenti. E’ ovvio che di questo chiederemo conto direttamente a loro ma intanto proseguiamo lungo la strada dell’individuazione di quanti, essendo debitori nei confronti del Comune, intralciano il percorso della perequazione fiscale da noi intrapreso con convinzione e con successo”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online