Padre e figlio pizzaioli e ludopatici rubano auto per giocare alle slot, arrestati

carabinieriPAVIA – Senza soldi, rubano un’auto nel tentativo di venderla e ricavare il necessario da giocare alle slot. Ma sono stati arrestati. E’ accaduto a Mortara, nel Pavese, dove i carabinieri hanno arrestato nella flagranza del reato di furto aggravato, un pizzaiolo di 48 anni di Torre Annunziata ed il figlio 24enne, nativo di Castellammare di Stabia, ma da anni residente a Cilavegna, in provincia di Pavia, anche lui pizzaiolo. I due hanno rubato un’auto Citroen “c3”, di proprietà di un commerciante 75enne, che l’ha lasciata momentaneamente incustodita in corso Torino per effettuare le consegne delle bombole del gas ad un cliente. Ma sono stati intercettati da una pattuglia. Ne è nato un inseguimento che è terminato dopo circa un chilometro quando padre e figlio hanno abbandonato l’auto per darsi alla fuga. I militari sono riusciti comunque a raggiungerli e a bloccarli. Il 48enne ha spiegato di trovarsi in Lomellina da pochi giorni. Era venuto per trovare il figlio 24enne per rifornirlo di prodotti alimentari campani da utilizzare in pizzeria. I due hanno confessato di essere entrambi ludopatici: volendo raggiungere una sala giochi della città ducale, non avendo né la patente di guida né un’autovettura a disposizione, ed in particolare per aver terminato le disponibilità finanziarie “giocandosele” alle slot machines, hanno deciso di rubare l’auto per “giocarsi la carta” di rivenderla a qualche ricettatore e ricavare così il denaro da “introdurre” ancora nelle slot.  (adnkronos)

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online

This site is protected by wp-copyrightpro.com