Cicciano, alunni-politici per un giorno: in Regione presentano legge contro Terra dei Fuochi

cicciano_scuolaCICCIANO (di Antonella De Stefano) – I giovani incontrano la politica. A diventare protagonisti per un giorno sono stati gli alunni delle classi terze della scuola media dell’Istituto Comprensivo “Bovio – Pontillo – Castoria – Pascoli” di Cicciano, che sono stati accolti nell’aula nella sede del Consiglio della Regione Campania dal consigliere regionale di Fi Mafalda Amente nell’ambito del progetto “Ragazzi in aula”. Il progetto ha lo scopo di avvicinare i giovani al mondo della politica e delle istituzioni, attraverso la visita guidata presso i locali del Consiglio della Regione e dar luogo ad una vera e proprio seduta consiliare con tanto di proposta di legge, articoli, commi, interventi degli studenti che, dopo la lettura del procedimento, procedono alla votazione come in una vera e propria seduta consiliare. Dopo aver visto come i vari schieramenti politici prendono posto in aula l’alunno Giuseppe Nappi, a nome di tutti gli studenti, ha esposto la proposta di legge “Salvaguardia del territorio e dell’ambiente in relazione ai problemi della Terra dei Fuochi” sottoponendola all’attenzione del presidente della Giunta regionale in attuazione della direttiva europea (legge quadro 2008/987CE) che propone un quadro giuridico volto a controllare il ciclo dei rifiuti, dalla produzione allo smaltimento, ponendo l’accento sul recupero, sul riciclaggio e sulle buone pratiche. La proposta, sviluppata in 8 articoli, punta a risolvere il problema “Terra dei fuochi” che rappresenta una minaccia costante per l’agricoltura, gli animali e per le vite umane dall’agro nolano al litorale domizio – flegreo fino a Castel Volturno. “L’ambito di intervento del progetto – illustra la dirigente dell’istituto comprensivo Eva Ciccone nella relazione di presentazione – si prefigge l’obiettivo generale di favorire, nel territorio di Cicciano, la salvaguardia e la protezione dell’ambiente per il bene del territorio e la salute dei suoi abitanti; operando nel contempo il recupero delle sane abitudini delle comunità contadine dei tempi passati, molto attente al recupero, al riciclo dei rifiuti, al rispetto dell’ambiente e dei cicli delle produzioni agricole proprie dell’agro nolano”. Le tematiche ambientali sono inserite nel Pof d’istituto a livello disciplinare e quale obiettivo trasversale con molti progetti incentrati sulle problematiche ambientali della Terra dei Fuochi, progetti poi culminati nella Conferenza tenutasi nell’istituto “Cicciano verso rifiuti zero” con la partecipazione di Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Europe e coordinatore del Centro di Ricerca Rifiuti Zero. L’istituto ciccianese inoltre è stato indicato come uno delle 26 scuole campione italiane per l’indagine IEA- ICCS 2016, su Cittadinanza e Ambiente. È importante il coinvolgimento degli studenti perché, conclude Eva Ciccone, “dalla scuola, con l’impegno di tutti si può aspirare al cambiamento e sperare in un futuro migliore per il nostro Paese e le nuove generazioni”.

Print Friendly, PDF & Email



Utenti online